Debian, Ubuntu, Linux, Gnu, software libero Ubuntu, Quantal Quetzal, Raring Ringtail, Linux, Ubuntulandia, Giochi tag foto 3 Mandelbulber, grafica, multimedia, Linux, Ubuntulandia Conky, Ubuntu, Linux, Ubuntulandia, Quantal Quetzal, Raring Ringtail Python, Ubuntu, Linux, programmazione Ubuntu 13.04, Raring Ringtail, Canonical, Linux Android, Linux, Ubuntu Internet Explorer, Firefox, Chrome, Safari, internet browsers, Ubuntulandia Linux Mint, distribuzioni, Ubuntulandia

giovedì 30 aprile 2009

Calendario di Ubuntu 9.10 Karmic Koala

Appena uscito Ubuntu 9.04 Jaunty Jackalope e già abbiamo il calendario di tutte le uscite di Ubuntu 9.10 Karmic Koala.

Nelle news ufficiali si informa che le sincronizzazioni automatiche con Debian come al solito sono già pronte.

Meglio di così..

14 maggio 2009: Ubuntu 9.10 Alpha 1.

Aggiornamento:

L'annuncio ufficiale, in lingua inglese, è consultabile a questo indirizzo. Ricordiamo, infine, che Karmic Koala Alpha 1 è disponibile anche nelle varianti Kubuntu e Xubuntu.

Download: http://www.ubuntu.com/testing/karmic/alpha1

11 giugno 2009: Ubuntu 9.10 Alpha 2.

Aggiornamento:
L'annuncio ufficiale, in lingua inglese, è consultabile a questo indirizzo. Ricordiamo, infine, che Karmic Koala Alpha 2 è disponibile anche nelle varianti Kubuntu, Xubuntu e per architettura ARM.

23 luglio 2009: Ubuntu 9.10 Alpha 3.

Aggiornamento:

L'annuncio ufficiale, in lingua inglese, è consultabile a questo indirizzo. Ricordiamo, infine, che Karmic Koala Alpha 3 è disponibile anche nelle varianti Kubuntu, Xubuntu e per architettura ARM.


13 agosto 2009: Ubuntu 9.10 Alpha 4.
3 settembre 2009: Ubuntu 9.10 Alpha 5.
17 settembre 2009: Ubuntu 9.10 Alpha 6.
1 ottobre 2009: Ubuntu 9.10 Beta.
22 ottobre 2009: Ubuntu 9.10 Release Candidate.
29 ottobre 2009: Ubuntu 9.10 Final Release.

Ultimi post pubblicati

weekend


Dark Orbit             300x250

Gif_Better_300x250



Ponti e             Festività 300x250

Universo Linux




domenica 26 aprile 2009

Acfax, riceve fax tramite un radioricevitore e una scheda sonora

Acfax è un ottimo tool open source che permette di ricevere fax tramite la scheda sonora.

Tipicamente lo si può usare per decodificare fax inviati con radio HF o da satelliti.


Download acfax
Download for all available architectures
Architecture Package Size Installed Size Files
alpha 47.2 kB168 kB [list of files]
amd64 40.6 kB148 kB [list of files]
arm 40.4 kB140 kB [list of files]
armel 41.8 kB144 kB [list of files]
hppa 45.0 kB148 kB [list of files]
i386 35.4 kB140 kB [list of files]
ia64 61.3 kB228 kB [list of files]
mips 44.4 kB164 kB [list of files]
mipsel 44.4 kB164 kB [list of files]
powerpc 44.9 kB156 kB [list of files]
s390 43.5 kB148 kB [list of files]
sparc 39.2 kB140 kB [list of files]

Maintainers:Similar packages:

Ultimi post pubblicati

weekend


Dark Orbit             300x250

Gif_Better_300x250



Ponti e             Festività 300x250

Universo Linux




Linux Mint, bella, potente, facile da utilizzare grazie ai tool “proprietari”.

Linux Mint è una distribuzione GNU/Linux per personal computer. Si basa su Ubuntu e usa sia dei repository specifici, sia quelli di Ubuntu di Canonical Ltd.

La particolarità di Linux Mint restano, comunque, i tool mintInstall, mintUpdate, mintDesktop e mintAssistant, che permettono di gestire il sistema in modo rapido e semplice.

Come da sempre Mint aspetta a rilasciare le propie distribuzione un mese circa dopo l'uscita della versione ufficiale di Ubuntu.

Mentre il nucleo di Linux Mint è basato su Ubuntu, il design, alcune applicazioni ed in generale l'interfaccia utente, sono sviluppate direttamente dal team di Linux Mint: le differenze includono dei temi, codec multimediali, un menù personalizzato ispirato a quello di Windows Vista, una collezione di strumenti di sistema progettati per semplificare l'utilizzo del sistema agli utenti.

Aggiornamenti (via Distrowatch):


Linux Mint The much-awaited Linux Mint 12, code name "Lisa", has been released: "The team is proud to announce the release of Linux Mint 12 'Lisa'. Linux Mint 12 comes with a brand new desktop, built with GNOME 3 and MGSE (Mint GNOME Shell Extensions), a desktop layer on top of GNOME 3 that makes it possible for you to use GNOME 3 in a traditional way. You can disable all components within MGSE to get a pure GNOME 3 experience, or you can enable all of them to get a GNOME 3 desktop that is similar to what you've been using before. Of course you can also pick and only enable the components you like to design your own desktop. The main features in MGSE are: the bottom panel, the application menu, the window list, a task-centric desktop (i.e. you switch between windows, not applications), visible system tray icons. MGSE also includes additional extensions such as a media player indicator, and multiple enhancements to GNOME 3."

Read the release announcement and visit the what's new page for further information.

Download (SHA256): linuxmint-12-gnome-dvd-32bit.iso (1,027MB, torrent), linuxmint-12-gnome-dvd-64bit.iso (1,017MB, torrent).

Ultime versioni pubblicate:


 • 2011-11-26: Distribution Release: Linux Mint 12
 • 2011-11-12: Development Release: Linux Mint 12 RC
 • 2011-09-16: Distribution Releases: Linux Mint 201109 "Debian GNOME", "Debian Xfce"
 • 2011-08-16: Distribution Release: Linux Mint 11 "LXDE"
 • 2011-05-26: Distribution Release: Linux Mint 11
 • 2011-05-09: Development Release: Linux Mint 11 RC

Versioni precedenti di Linux Mint.

Versione Nome in codice Edizione Desktop environment Codice base Versione Ubuntu per repository Data di rilascio
1.0 Ada Main KDE Kubuntu Dapper Drake Dapper 27/08/2006
2.0 Barbara Main GNOME Ubuntu Edgy Eft Edgy 13/11/2006
2.1 Bea Main GNOME Ubuntu Edgy Eft Edgy 20/12/2006
2.2 Bianca Main GNOME Ubuntu Edgy Eft Edgy 20/02/2007
2.2 Bianca Light GNOME Ubuntu Edgy Eft Edgy 29/03/2007
2.2 Bianca KDE KDE Kubuntu Edgy Eft Edgy 20/04/2007
2.2 Bianca miniKDE KDE Kubuntu Edgy Eft Edgy  ??/??/2007
3.0 Cassandra Main GNOME Bianca 2.2 Feisty 30/05/2007
3.0 Cassandra Light GNOME Cassandra Feisty 15/06/2007
3.0 Cassandra KDE CE KDE Cassandra Feisty 14/08/2007
3.0 Cassandra MiniKDE CE KDE Cassandra Feisty 14/08/2007
3.0 Cassandra Xfce CE Xfce Cassandra Feisty 07/08/2007
3.1 Celena Main GNOME Cassandra Feisty 24/09/2007
3.1 Celena Light GNOME Celena Feisty 01/10/2007
4.0 Daryna Main GNOME Celena Gutsy 15/10/2007
4.0 Daryna Light GNOME Daryna Gutsy 15/10/2007
5 Elyssa Main GNOME Ubuntu Hardy Heron Hardy 08/06/2008
5 Elyssa Light GNOME Elyssa Hardy 08/06/2008
5 Elyssa KDE CE KDE Elyssa Hardy 15/09/2008
5 Elyssa XFCE CE Xfce Elyssa Hardy 08/09/2008
5 Elyssa x64 GNOME Ubuntu Hardy Heron 64bit Hardy 18/10/2008
5 Elyssa Fluxbox CE Fluxbox Elyssa Hardy 21/10/2008
6 Felicia Main GNOME Ubuntu Intrepid Ibex Intrepid 15/12/2008
6 Felicia Universal Edition GNOME Ubuntu Intrepid Ibex Intrepid 15/12/2008
6 Felicia Fluxbox CE Fluxbox Xubuntu Intrepid Ibex Intrepid 07/04/2009
6 Felicia KDE CE KDE Kubuntu Intrepid Ibex Intrepid 08/04/2009
7 Gloria Main GNOME Ubuntu Jaunty Jackalope Jaunty 26/05/2009
7 Gloria KDE CE KDE Kubuntu Jaunty Jackalope Jaunty 03/08/2009
7 Gloria Xfce CE Xfce Xubuntu Jaunty Jackalope Jaunty 13/09/2009
8 Helena Main GNOME Ubuntu Karmic Koala Karmic 28/11/2009
8 Helena Universal Edition GNOME Ubuntu Karmic Koala Karmic 28/11/2009
8 Helena x64 GNOME Ubuntu Karmic Koala 64bit Karmic 14/12/2009
8 Helena KDE CE KDE Kubuntu Karmic Koala Karmic 06/02/2010
8 Helena FLUXBOX CE FLUXBOX Xubuntu Karmic Koala Karmic 12/02/2010
8 Helena KDE 64 CE KDE Kubuntu Karmic Koala 64bit Karmic 12/02/2010
8 Helena Lxde CE Lxde Lubuntu Karmic Koala Karmic 31/03/2010
8 Helena Xfce CE Xfce Xubuntu Karmic Koala Karmic 31/03/2010
9 Isadora Main Gnome Ubuntu Lucid Lynx Lucid 18/05/2010
9 Isadora x64 Gnome Ubuntu Lucid Lynx 64bit Lucid 18/05/2010
9 Isadora Lxde CE Lxde Lubuntu Lucid Lynx Lucid 18/07/2010
9 Isadora KDE KDE Kubuntu Lucid Lynx Lucid 27/07/2010
9 Isadora KDE 64 KDE Kubuntu Lucid Lynx 64bit Lucid 27/07/2010
9 Isadora Xfce CE Xfce Xubuntu Lucid Lynx Lucid 24/08/2010
9 Isadora FLUXBOX CE FLUXBOX Xubuntu Lucid Lynx Lucid 06/09/2010
Rolling 201006 Debian Gnome Debian Testing or Debian Squeeze - - 07/09/2010
10 Julia Main Gnome Ubuntu Maverick Meerkat Maverick 12/11/2010
10 Julia x64 Gnome Ubuntu Maverick Meerkat 64bit Maverick 12/11/2010
10 Julia KDE KDE Kubuntu Maverick Meerkat Maverick 23/02/2011
10 Julia KDE 64 KDE Kubuntu Maverick Meerkat 64bit Maverick 23/02/2011
10 Julia Lxde Lxde Lubuntu Maverick Meerkat Maverick 16/03/2011
Rolling 201104 Debian Xfce Debian Testing or Debian Squeeze - - 06/04/2011
11 Katya Main Gnome Ubuntu Natty Narwhal Natty 26/05/2011
11 Katya x64 Gnome Ubuntu Natty Narwhal 64bit Natty 26/05/2011
11 Katya Lxde Lxde Lubuntu Natty Narwhal Natty 16/08/2011
Rolling 201109 Debian Gnome e Lxde Debian Testing - - 16/09/2011
12 Lisa Main Gnome Ubuntu Oneiric Ocelot Oneiric 13/11/2011
Legenda:
Obsoleta Vecchia versione ancora supportata Versione corrente Beta/Release Candidate Prossima versione


fonti: Linux Mint & Wikipedia


Screenshots









S
e ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Alcuni servizi collegati a Firefox e Google

Tra Google e Firefox è nata da qualche tempo una vera e propria collaborazione nel senso più professionale possibile della parola.

Nonostante si diamo battaglia più di una volta (per esempio l'interesse di Google di sviluppare un browser internet independente della piattaforma Mozilla tradotto poi in Chrome).

Google Docs, Remember to Milk e LinkedIn aprono la strada:
AsteClick - TomTom One Europe
Google DocsGoogle Docs

Un servizio web-based che permette a te e ai tuoi collaboratori di creare e modificare documenti direttamente online.

Google Documenti e Fogli di Lavoro (in inglese Google Docs & Spreadsheets) è un programma la cui versione beta è disponibile sul sito di Google dal 24 febbraio 2007. È un diretto concorrente di Microsoft Office ed Excel. Esso permette di salvare documenti di testo e fogli di calcolo nei formati .doc, .odt e .pdf.

La peculiarità dell'applicazione è di risiedere sul server Google ed essere lanciata da remoto, non richiedendo l'installazione di alcun software sul computer locale.

Diversamente da altri applicativi che lavorano da remoto, nemmeno i dati sono salvati in locale. Questo consente di condividere il file con altri utenti invitati con diversi livelli di privilegio (sola lettura, accesso in scrittura ad alcune parti o a tutto il documento) e di utilizzare il file da qualunque computer si colleghi alla casella di posta.

La conservazione dei dati non in locale pone però seri problemi di privacy per le aziende e per i singoli, sia per l'utilizzo delle informazioni a scopo di schedature che potrebbe essere fatto da chi gestisce il servizio, sia per il maggiore rischio di attacchi e manipolazioni da parte di soggetti esterni, che si verifica quando i dati risiedono su server sempre connessi a Internet.

Esiste una policy di sicurezza, ma le legislazioni nazionali sulla privacy non sono allineate verso uno standard internazionale. La cifratura dei dati e l'adozione di protocolli di comunicazione sicura (come SSL) contribuiscono a ridurre il rischio di attacchi esterni, ma non garantiscono un utilizzo appropriato delle informazioni.

Remember the MilkRemember the Milk

Non riesci a organizzare la tua vita senza elenchi? In questo caso dai un'occhiata a questo servizio gratuito per gestire le liste delle cose da fare.

Tra i servizi web che hanno maggiormente fatto breccia nei cuori degli internauti di tutto il mondo, figura sicuramente l’ottimo Remember the Milk. Per chi non lo conoscesse, si tratta di quello che è da molti ritenuto il miglior task manager gratuito attualmente in circolazione su Internet, che permette in maniera incredibilmente semplice e veloce di gestire al meglio tutti i propri impegni quotidiani (aggiungendo alle voci relative a questi ultimi note, location, scadenze, ciclicità, condivisioni, e tanto altro).
E poteva un “bocconcino” del genere non disporre di un’ottima applicazione per Adobe Air (funzionante quindi su Windows, così come su Linux e Mac OS X)? Certo che no, quindi eccoci qui per presentarvi il nuovo RTM Notifier, che porta le notifiche di Remember the Milk su ogni desktop.

Porta i le tue applicazioni ovunque con questo pacchetto-applicazioni. Guarda le applicazioni vicine, aggiungi e completa le applicazioni in corso, organizza la applicazioni in entrata e sincronizzale tutte semplicemente con Remember The Milk. Download gratuito per gli utenti Pro!

LinkedInLinkedIn

Uno strumento di rete che permette di rafforzare i tuoi contatti professionali esistenti e di crearne di nuovi.

LinkedIn è un servizio di social networking online impiegato principalmente per networking professionale. La rete di LinkedIn a Gennaio 2009 contava circa 30 milioni di utenti in America del Nord, Asia e Europa e cresce a una velocità di 100.000 iscritti a settimana. Copre circa 150 diversi comparti economici e oltre 400 "regioni economiche". La società che gestisce il servizio ha sede a Palo Alto (California).


Ultimi post pubblicati

weekend


Dark Orbit             300x250

Gif_Better_300x250



Ponti e             Festività 300x250

Universo Linux




giovedì 23 aprile 2009

Come scaricare più velocemente Ubuntu 9.04 Jaunty Jackalope usando BitChe

In questa settimana mentre cresce l’eccitazione, è uscito oggi per l'esatezza l’aggiornamento ad Ubuntu Jaunty Jackalope, ma spesso, in queste occasioni, i server sono sovraccarichi per le richieste.

Si può però tranquillamente scaricare l’aggiornamento tramite BitTorrent, ed specificamente tramite BitChe.

BitChe è un piccolo e completo tool che permette di ricercare velocemente files dalla rete Bit Torrent attraverso i portali dedicati a questo scopo. Al momento
cerca nei seguenti siti:

* PirateBay.org
* IsoHunt.com
* MiniNova.org
* BTJunkie.org
* EZTVefnet.org
* Mp3Nova.org
* BTMon.com
* BTSwarm.org
* BushTorrents.com
* h33t.com
* MyBitTorrent.com
* NewTorrents.info
* SloTorrent.net
* Snarf-it.org
* TodoTorrents.com (Spanish)
* TorrentBox.com
* TorrentPortal.com
* TorrentReactor.net
* ZeroTracker.com

* Araditracker.com
* BitChile.com (Spanish)
* BitNation.com
* BitSoup.org
* BlackCats-Games.net
* BoxTorrents.com
* Demonoid.com
* DidiDave.com
* DimeaDozen.org
* TheDVDClub.org
* FileList.org
* FileMP3.org
* FunFile.org
* HDbits.org
* iPodNova.tv
* IPTorrents.com
* Luciferadreams.org
* Merc-Tech.org
* Midnight-Torrents
* MySpleen.net
* Oink.me.uk (beta support)
* PirateBay.org (members)
* RevolutionTT.net
* SceneMachine
* Snarf-It.org (members)
* Status-X.net
* STMusic.org
* SuperTorrents.org
* Takeabyte.org
* TheBox.bz
* ThePeerHub
* TorrentBytes.net
* Torrent-Damage.net
* Torrential.kicks-ass
* TorrentPhase.com
* Torrents.bol.bg
* Torrents.ru
AsteClick - TomTom One Europe
Ovviamente è un programma predisposto per Windows quindi dobbiamo installarlo con Wine.

Euforico il mondo di Linux, che vede in Wine un'arma in più nella lotta al monopolio di Microsoft: come già ribadito altre volte, Wine è un programma (non un emulatore!) che permette di eseguire software nativamente scritto per Windows su sistemi operativi Unix-like, e questo a a costo zero. Vale ancora il monito di sempre, ribadito anche dagli sviluppatori: chi ha già una versione precedente di Wine sul proprio sistema, è caldamente consigliato di cancellarla prima di installare la nuova.

Non sono molti i software che vedono arrivare la prima versione stabile dopo 15 anni. Il motivo di questo lasso di tempo così elevato va sicuramente imputato alle difficoltà tecniche nella realizzazione stessa del software: il porting open source di librerie e componenti closed, (seppur documentati), ovvero degli elementi delle Windows API. Un immane lavoro di reverse engineering.

Un'altra alternativa la potete trovare in questo articolo di Torrentfreak che mostra come fare:

1) Chiudere il mirror locale

E’ raccomandato resettare il mirror locale in modo di avere possibilità di scelte e fonti più veloci.

Andare su: Sistema -> Amministrazione ->Sorgenti software -> Download da -> Altri-> Selezionare il server migliore. La ricerca durerà cinque minuti e verrà selezionato il server migliore, da tenere bene a mente perché servirà più tardi.

2) Deselezionare tutte le repository di terze parti.

Come detto è meglio deselezionare tutte le repository se non si sa esattamente come fare conviene andare nella scheda terze parti e deselezionarle tutte.

3) Istallare apt-p2p

Conviene istallare la versione 0.2.5 perché quelle più vecchie hanno dei bug. Per recuperare apt-p2p da un server direttamente si possono usare questi due script in base alle caratteristiche del proprio computer.

Per i 32 bit c’è questo script, e per la versione a 64bit si può usare quest’altro script.

Bisogna ora salvare sul desktop lo script come “apt-p2p.sh”. A questo punto bisogna aprire un terminal ( da Applicazioni > Sistema> Terminal)e rilasciare le seguenti istruzioni, verrà chiesto di immettere la propria password utente:

cd ~/Desktop
sudo sh apt-p2p.sh

Lo script creerà una cartella apt-p2p nella directory / Temp, aprire la cartella e scaricare apt-p2p dalla repository Intrepid comprese tutte le parti accessorie. Infine, sarà installato tutto quello che serve nel necessario ordine.

4) Preparare la “ source list”

Una volta istallato, digitare:

cp /etc/apt/sources.list /etc/apt/sources.list-apt-p2p-backup

gksudo gedit /etc/apt/sources.list

Ora nella lista sorgenti si sta guardando il file per Ubuntu, che specifica quale server bisogna contattare per nuovi programmi ed aggiornamenti. Si vedrà qualcosa del genere:

deb http://archive.canonical.com/ubuntu hardy partner
deb-src http://archive.canonical.com/ubuntu hardy partner
deb http://*mirror-address*/ubuntu/ hardy main universe restricted multiverse
deb-src http://*mirror-address*/ubuntu/ hardy main universe restricted multiverse

Dove l’indirizzo del mirror sarà quello individuato prima.

Altrimenti se si legge qualcosa di diverso si possono cambiare le scritte sopra con queste, in modo si inserisce localhost:9977″ dopo “http://”:

deb http://localhost:9977/archive.canonical.com/ubuntu hardy partner
deb-src http://localhost:9977/archive.canonical.com/ubuntu hardy partner
deb http://localhost:9977/*mirror-address*/ubuntu/ hardy main universe restricted multiverse
deb-src http://localhost:9977/*mirror-address*/ubuntu/ hardy main universe restricted multiverse

Ora basta chiudere il programma e salvare il file. Se si è perso qualcosa si può tornare al terminal e digitare:

sudo cp /etc/apt/sources.list-apt-p2p-backup /etc/apt/sources.list

che sovrascrive le sorgenti con il file di backup. A questo punto si è pronti per iniziare l’aggiornamento.

5) Aggiornamento dei pacchetti e di Intrepid

Sempre al terminal digitare i comandi :

sudo apt-get update

Questo comando aggiornerà l’elenco dei software ed integrerà pienamente apt-p2p. Se a questo punto si verificassero errori, si può digitare, il comando, prestando molta attenzione, perché si potrebbe compromettere il sistema.

sudo rm-rf / var/cache/apt-p2p/cache / *
sudo apt-get update

Una volta che tutto è sistemato magari si vuole aprire le porte per apt-p2p se si ha un router conviene vedere in questo sito http://portforward.com, Però la porta TCP e UDP per apt-p2p è 9977.

Ora è tutto pronto per l’upgrade Se poi si vuole aggiornare ad Intrepid prima del tempo si può digitare nel terminal:

sudo update-manager -d

Poi si clicca sul bottone in alto a destra della finestra e si esegue la procedura guidata, quando appare la scritta che non è stato trovato un mirror valido e se si vuole sostituire hardy con intrepid, bisogna selezionare “Si”.

Oppure si può usare:

sudo apt-get dist-upgrade

Prima di usare un “dist-upgrade” bisogna variare manualmente nel terminal le voci nella “lista sorgenti” da “hardy” a “intrepid”.

A questo punto ringraziamo Torrentfreak che ci ha suggerito un’altra maniera per alleggerire i server e poter scaricare più velocemente e speriamo che funzioni tutto bene e di poter presto godere della nuova realise.


Ultimi post pubblicati

weekend


Dark Orbit             300x250

Gif_Better_300x250



Ponti e             Festività 300x250

Universo Linux





Come configurare Wine in Ubuntu: i formati dei file e i protocolli.

Wine (Wine Is Not an Emulator, un acronimo ricorsivo, Wine non è un emulatore) è un software scritto in C nato originariamente per GNU/Linux, poi esteso ad altri sistemi operativi, con lo scopo di permettere il funzionamento dei programmi sviluppati per il sistema operativo Microsoft Windows. Da notare è il fatto che il nome Wine assomiglia a WINdows Emulator, anche se come citato in precedenza esso non lo è affatto.

Il progetto è risultato difficile e dispersivo per gli sviluppatori, solo in parte per l'incompleta o scorretta documentazione delle Win32 API.

La maggior parte delle funzioni di Win32 sono documentate, ma alcuni ambiti, come i formati dei file e i protocolli, non hanno una descrizione ufficiale da parte di Microsoft. Lo stesso vale per funzioni di basso livello e per oscuri bug che dovrebbero essere duplicati precisamente affinché le applicazioni si comportino come previsto.

Gli sviluppatori di Wine hanno quindi dovuto ricorrere spesso al reverse engineering.

A seconda delle proprie esigenze, per poter avviare le applicazioni Windows a 32 bit, wine deve essere opportunamente configurato. A tale scopo è possibile intervenire in diversi punti, per esempio è possibile aggiungere le librerie .dll necessarie all'esecuzione di alcuni programmi.

A seconda delle proprie esigenze, per poter avviare le applicazioni Windows a 32 bit, wine deve essere opportunamente configurato. A tale scopo è possibile intervenire in diversi punti, per esempio è possibile aggiungere le librerie .dll necessarie all'esecuzione di alcuni programmi.

Andare su Applicazioni -> Wine -> Configure Wine, verrà avviato lo strumento di configurazione. In alternativa è possibile avviarlo digitando il seguente comando in una finestra di terminale:

winecfg

Installazione da repository esterni.

Gli sviluppatori di Wine forniscono continuamente delle versioni più recenti per Ubuntu. Per poter ricevere sempre gli ultimi aggiornamenti del programma, è necessario abilitare un nuovo repository.

Aprire il file /etc/apt/sources.list con un editor di testo e con i privilegi di amministrazione e aggiungere, fra le righe seguenti, quella adatta alla versione del proprio sistema:

* Ubuntu 8.10 «Intrepid Ibex»:

deb http://wine.budgetdedicated.com/apt intrepid main

* Ubuntu 8.04 «Hardy Heron»:

deb http://wine.budgetdedicated.com/apt hardy main

* Ubuntu 6.06 «Dapper Drake»:

deb http://wine.budgetdedicated.com/apt dapper main

Per autenticare i pacchetti del repository è necessario digitare il seguente comando in una finestra di terminale:

wget -q http://wine.budgetdedicated.com/apt/387EE263.gpg -O - | sudo apt-key add -

Per aggiornare la lista dei pacchetti è sufficiente digitare il seguente comando:

sudo apt-get update

Infine, non resta che installare il pacchetto wine.

Impostazioni generiche.

Nella scheda «Applications» potrà essere impostato il supporto per un sistema Windows specifico, modificando secondo le proprie esigenze il campo «Windows Version».

Nella scheda «Audio» è consigliato l'uso di un solo driver sonoro per volta. La scelta sarà fondamentalmente tra driver ALSA o driver OSS, la differenza sostanziale sta nella compatibilità con le applicazioni, infatti seppure il primo è più potente e permette l'uso di più fonti sonore contemporaneamente, risulta meno compatibile. Al contrario i driver OSS risultano essere maggiormente compatibili, tuttavia consentono l'uso del sonoro ad una singola applicazione alla volta. Le opzioni contenute nella sezione «DirectSound» sono specifiche per ogni applicazione lanciata con Wine, tuttavia in generale è consigliato disabilitare l'opzione «Driver Emulation» e impostare, nel campo Hardware Acceleration, l'opzione «Full».

Nella scheda «Graphic», tipicamente utilizata per aumentare la compatibilità con i videogiochi, sarà possibile abilitare il supporto al «Vertex Shader» e al «Pixel Shader». Inoltre in questa scheda sarà possibile assegnare un'area di lavoro virtuale all'interno della quale verranno avviati i programmi.
Rilevamento automatico.

Per identificare e abilitare l'uso delle varie unità disco presenti nel sistema spostarsi nella scheda «Drives» e fare clic su «Autodetect...».
Aggiungere un'unità DVD o CD

Spostarsi nella scheda «Drives», fare clic su «Add» e nella casella di testo «Path» digitare «/media/cdrom». Per configurare il tipo di lettore fare clic su «Show Advanced». Una volta terminate le modifiche fare clic su «OK».
Modificare le impostazioni di un'applicazione

Nella scheda «Applications», fare clic su «Add application...» e selezionare il file .exe al quale si desidera assegnare delle impostazioni personalizzate, dunque selezionare tale file dalla lista «Application Settings», infine spostarsi nelle altre schede per impostare le configurazioni preferite per l'applicazione selezionata.
Modificare il registro di sistema
Avviare il registro di sistema

Il registro di sistema consente di configurare al meglio l'hardware per le applicazioni emulate. Per avviarlo è sufficiente digitare il seguente comando in una finestra di terminale:

wine regedit

Configurare l'estensione Direct3D

La chiave «Direct3D» contiene al suo interno i valori necessari per aumentare le prestazioni della propria scheda video.

Una volta avviato il registro di sistema, scegliere HKEY_CURRENT_USER -> Software e selezionare «Wine», quindi fare clic con il tasto destro e creare una nuova chiave, assegnandole il seguente nome:

Direct3D

Una volta creata tale chiave, selezionarla e spostare il puntatore del mouse nella parte destra della finestra, fare clic con il pulsante destro del mouse in un punto vuoto e selezionare Nuovo -> Valore stringa, ripetendo la medesima operazione per ognuna delle seguenti stringhe e assegnandone i valori:

* Per DirectDrawRenderer scegliere tra:
o gdi: prestazioni inferiori ma ampiamente supportata;
o opengl: prestazioni migliori, ma può causare incompatibilità.
* In UseGLSL impostare il valore enable.
* In VideoMemorySize impostare la quantità effettiva di memoria RAM della propria scheda video.
* Per OffscreenRenderingMode scegliere tra:
o blackbuffer: predefinita per la resa a video;
o fbo: utilizza il framebuffer (solo per alcune schede nVidia);
o pbuffer: utilizza il pixelbuffer.
* Per RenderTargetLockMode scegliere tra:
o auto: attraverso un test iniziale opta per la scelta migliore;
o disable: disabilita l'opzione;
o readdraw: usa glReadPixels in lettura e glDrawPixels per disegnare;


readtext: usa in lettura glReadPixels;
o texdraw: usa per disegnare glDrawPixels;
o textex: non utilizza glReadPixels e glDrawPixels.
* Alcune applicazioni richiedono che alla chiave Nonpower2Mode sia assegnato il valore repack.

Terminate le modifiche, chiudere il registro e digitare il seguente comando in una finestra di terminale:

wineprefixcreate

fonti:
wikipedia & ubuntu.wiki




Ricerca personalizzata
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:




Ultimi articoli pubblicati

RSVP (Raccomandati Se Vi Piacciono)

Antipixels & Counters

SIMBA wirepress tua notizia Segnala Feed Andrix Segnala Feed iFeed WebShake – tecnologia Blogstreet - dove il blog è di casaVero Geek iwinuxfeed.altervista.org Add to Technorati Favorites ElencoSiti Aggregatore Il Bloggatore visitor stats Programming Blogs - Blog Catalog Blog Directory Feedelissimo Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog Notizie Informatiche