Debian, Ubuntu, Linux, Gnu, software libero Ubuntu, Quantal Quetzal, Raring Ringtail, Linux, Ubuntulandia, Giochi tag foto 3 Mandelbulber, grafica, multimedia, Linux, Ubuntulandia Conky, Ubuntu, Linux, Ubuntulandia, Quantal Quetzal, Raring Ringtail Python, Ubuntu, Linux, programmazione Ubuntu 13.04, Raring Ringtail, Canonical, Linux Android, Linux, Ubuntu Internet Explorer, Firefox, Chrome, Safari, internet browsers, Ubuntulandia Linux Mint, distribuzioni, Ubuntulandia

domenica 21 dicembre 2014

Installazione da file immagine: come installare Ubuntu da un file .img

Ubuntu viene distribuito attraverso Internet sotto forma di due tipi di file: i file immagine di CD, indicati come .iso, e file immagine flash, indicati come .img. L'installazione di Ubuntu per mezzo di supporti flash prevede come primo passo la scrittura sul supporto dell’immagine .img scaricata da Internet.

Per questa operazione é necessario un dispositivo in grado di scrivere su memoria flash formattato FAT32 (chiavetta USB, lettore di SD, ecc.) e spazio sul supporto sufficiente all'installazione (la dimensione minima raccomandata é di 1 GiB). Di solito, una chiavetta USB è sufficiente per soddisfare entrambi i requisiti.

Tra le versioni attualmente supportate, solo le versioni per l'architettura ARM vengono rilasciate sotto questo formato (si veda, per esempio, l'immagine per il chip OMAP rilasciato per Ubuntu 12.10).

Questa operazione distruggerà tutti i dati presenti sul dispositivo USB. Eseguire un backup di tutti i dati su un altro supporto prima di procedere.

ubuntu daimg

sabato 20 dicembre 2014

Installazione con Wubi: come installare Ubuntu in Windows come una normale applicazione.

Wubi permette di installare e disinstallare Ubuntu all'interno di Windows come qualsiasi altra applicazione in modo semplice e sicuro.

Per installare Ubuntu scaricare Wubi dal seguente indirizzo.

Wubi non funziona con il boot-loader predefinito di Windows 8, questo implica che Wubi non funzionerà su ogni nuova macchina con Windows 8 preinstallato.
Tuttavia se si aggiorna un pc a Windows 8 utilizzando il vecchio BIOS, Wubi funziona, ma è importante non abilitare la funzionalità hybrid-sleep in Windows.

Installazione.

    Avviare Wubi.
    Scegliere la lingua, il nome utente e la password.
    Sistemare le restanti impostazioni come, ad esempio, lo spazio sul disco da utilizzare (facoltativo).

boot

Come installare Ubuntu dalla rete locale.

In questa pagina viene spiegato come installare un server per l'installazione remota dei client.

Preparativi.

Abilitare il componente universe dei repository ufficiali.

Installazione.

È necessario installare sul server i pacchetti openbsd-inetd, tftpd-hpa, dhcp3-server.

Configurazione del server.

Configurare il servizio DHCP.

    Per configurare il servizio DHCP sul server in modo da consentire ai client all'avvio di trovare, tramite PXE, il server d'installazione remota, aprire con un editor di testo e con i privilegi di amministrazione il file /etc/dhcp3/dhcpd.conf, ed aggiungere alla fine del file le seguenti istruzioni:

    subnet 192.168.0.0 netmask 255.255.255.0 {
            range 192.168.0.100 192.168.0.200;
            filename "pxelinux.0";
    }

Configurare il servizio DHCP

    carajo

Nel caso in cui il server DHCP sia diverso dal server d'installazione remota è necessario aggiungere anche la seguente riga:

    next-server ip_server;

    Sostituire la dicitura «ip_server» con l'IP del server d'installazione remota.

    Esempio: se il server d'installazione ha indirizzo IP pari a 192.168.0.3 la modifica risultante sarà:

    subnet 192.168.0.0 netmask 255.255.255.0 {
            range 192.168.0.100 192.168.0.200;
            filename "pxelinux.0";
            next-server 192.168.0.3;
    }

    se questo parametro non è specificato, il server DHCP corrisponde al server d'installazione remota.

    Per applicare le modifiche, riavviare il servizio digitando in una finestra di terminale il seguente comando:

    sudo /etc/init.d/dhcp3-server restart

Configurazione di tftpd-hpa.

    Configurare il server d'installazione, aprire con un editor di testo e con i privilegi di amministrazione il file /etc/inetd.conf e sostituire il contenuto con la seguente riga:

    tftp    dgram   udp    wait    root    /usr/sbin/in.tftpd /usr/sbin/in.tftpd -s /var/lib/tftpboot

    Sempre con un editor di testo e con i privilegi di amministrazione aprire il file /etc/default/tftpd-hpa e modificarlo come segue:

    RUN_DEAMON=”yes”

    Per applicare le modifiche riavviare il servizio digitando in una finestra di terminale il seguente comando:

    sudo /etc/init.d/tftpd-hpa restart

    Scaricare i file necessari all'installazione da rete:

        Per architetture a 32 bit digitare in una finestra di terminale:

        cd ~
        lftp -c "open
http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/dists/NOME_VERSIONE/main/installer-i386/current/images/; mirror netboot/"

        Per architetture a 64 bit digitare in una finestra di terminale:

        cd ~
        lftp -c "open
http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/dists/NOME_VERSIONE/main/installer-amd64/current/images/; mirror netboot/"

    Per installare i file appena scaricati è sufficiente digitare in una finestra di terminale il seguente comando:

   sudo cp -a netboot/* /var/lib/tftpboot

Avvio del client.

Entrare nel BIOS del client ed impostare come avvio primario l'interfaccia di rete, salvare le modifiche apportate e riavviare il computer. Verrà avviata l'installazione di Ubuntu.

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog

Ubuntu-Logo-apple-style400x400

domenica 23 novembre 2014

Il meglio di Ubuntulandia: la top ten dei post più visti nel mese di Ottobre 2014.

1.- Guida all'installazione di Ubuntu su Hard Disk o Pendrive USB.

In questa guida viene mostrato come installare Ubuntu su un supporto USB (hard disk o pendrive). Il principale vantaggio di questo metodo di installazione è quello di non andare a modificare minimamente le partizioni del disco principale interno al pc, dove risiede generalmente il sistema già ins...

 

giovedì 20 novembre 2014

Guida all'installazione di Ubuntu su Hard Disk o Pendrive USB.

In questa guida viene mostrato come installare Ubuntu su un supporto USB (hard disk o pendrive).

Il principale vantaggio di questo metodo di installazione è quello di non andare a modificare minimamente le partizioni del disco principale interno al pc, dove risiede generalmente il sistema già installato, poiché andrà ad occupare spazio sull'unità esterna al pc dove andrà installato anche il boot loader.

Nota:

Se si installa per sbaglio il boot loader sul disco principale, l'avvio senza il disco esterno USB
sarà impossibile. Nel caso ci si ritrovasse in questa situazione fare riferimento alla guida sul ripristino dell' MBR.

Requisiti hardware.
  • CD live o una live USB di Ubuntu o di una sua derivata ufficiale
  • Il pc deve supportare il boot da unità USB.

  • L'unità USB deve avere una capacità di 8 GiB o superiore.
  • Il pc e l'unità usb devono disporre di porte USB 2.0 o USB 3.0.

ubuntu pendrive

venerdì 31 ottobre 2014

Come creare una Live di Ubuntu su una periferica USB.

È possibile creare una Live di Ubuntu su una periferica USB (pen drive o disco fisso esterno) permettendo di installare il sistema anche sui dispositivi privi di lettore CD.

Occorre una periferica USB da almeno 2 GiB di memoria: parte della memoria sarà occupata dai file necessari al funzionamento del sistema, lo spazio restante resterà a disposizione dell'utente.

Se il file .iso è più piccolo di 1 GiB sarà possibile utilizzare una periferica USB con 1 GiB di memoria.

Nota:

Assicurarsi prima di procedere che sia possibile effettuare il boot da USB nelle impostazioni del Bios.

Preparativi.

Prima di procedere con le seguenti istruzioni eseguire un backup di tutti i dati contenuti sul dispositivo USB.

Creazione disco di avvio USB.

Per creare una Live di Ubuntu su un supporto rimovibile USB avviare il Creatore dischi di avvio.

usb-precise-01

Guida alle caratteristiche della tecnologia UEFI (sostituta del BIOS nei computer recenti).

A partire dal 2010 nei pc è stata introdotta la tecnologia UEFI che andrà nel tempo a sostituire i classici BIOS. Nella seguente guida verranno approfondite le caratteristiche dello UEFI e le differenze rispetto al passato di cui tener conto per poter installare Ubuntu sia in dual boot con Windows che da solo.

Caratteristiche.

Rispetto ai classici bios lo Uefi può presentarsi con una veste grafica più moderna. Alcune delle caratteristiche più importanti sono date da:

  • Partizionamento GPT: nuovo standard per la gestione delle partizioni del disco, che sostituisce l'MBR (Master Boot Record) e quindi utilizzo di sole partizioni primarie senza più la necessità di partizioni estese e logiche.

  • Partizione EFI: è una partizione in formato Fat32 collocata all'inizio del disco e necessaria per l'avvio dei sistemi operativi.

  • Secure boot: sistema attraverso il quale il computer permette l'avvio di un sistema operativo solo se dotato di una determinata chiavi di sicurezza. È una modalità introdotta con Windows 8.

  • Modalità legacy: modalità compatibile con i vecchi BIOS.

ubuntu-utopic-unicorn

Ultimi articoli pubblicati

RSVP (Raccomandati Se Vi Piacciono)

Antipixels & Counters

SIMBA wirepress tua notizia Segnala Feed Andrix Segnala Feed iFeed WebShake – tecnologia Blogstreet - dove il blog è di casaVero Geek iwinuxfeed.altervista.org Add to Technorati Favorites ElencoSiti Aggregatore Il Bloggatore visitor stats Programming Blogs - Blog Catalog Blog Directory Feedelissimo Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog Notizie Informatiche