Debian, Ubuntu, Linux, Gnu, software libero Ubuntu, Quantal Quetzal, Raring Ringtail, Linux, Ubuntulandia, Giochi tag foto 3 Mandelbulber, grafica, multimedia, Linux, Ubuntulandia Conky, Ubuntu, Linux, Ubuntulandia, Quantal Quetzal, Raring Ringtail Python, Ubuntu, Linux, programmazione Ubuntu 13.04, Raring Ringtail, Canonical, Linux Android, Linux, Ubuntu Internet Explorer, Firefox, Chrome, Safari, internet browsers, Ubuntulandia Linux Mint, distribuzioni, Ubuntulandia

giovedì 19 marzo 2015

Guida a RawTherapee: motore a virgola mobile e funzioni di demosaicizzazione Raw.

Il formato RAW, nella fotografia digitale, è paragonabile al negativo della fotografia analogia.

E' ciò che cattura la macchina fotografica senza alcun processo di elaborazione.

Un file RAW non può essere diffuso cosi com'è ma deve subire un processo di conversione che lo renda comprensibile a tutti i programmi, ovvero deve essere trasformato in un formato universalmente leggibile (come per esempio in un file JPEG o TIFF).
Alcuni vantaggi del formato RAW sono:

- Immagine salvato in formato grezzo senza elaborazioni da parte del processore fotografico;
- la fotografia contiene molte più informazioni rispetto a qualunque altro formato di conversione;
- da una maggiore garanzia della paternità di un scatto fotografico;
- ottimo per immagini che devono essere fortemente manipolate e per correggere errori di esposizione.
I svantaggi sono:
- Dimensioni elevate del file;
- Necessità di appositi software o plug-in per elaborare l'immagine;
- Non esiste un vero standard. I formati RAW differiscono da produttore a produttore di fotocamere;
- La modifica dell'immagini richiede una certa esperienza;
- L'elaborazione RAW non effettua miracoli per correggere immagini male congegnate.

rawtherapee

Predict permette di stabilire, attraverso il tracciamento della posizione del sole, i passaggi visibili dei satelliti.

Predict è un programma di tracking satellitare che permette di stabilire, attraverso il tracciamento della posizione del sole, i passaggi visibili dei satelliti.

Completo e funzionante.

Ultimo aggiornamento.

01 Apr 97

Richieste di sistema.

Predict è un programma screen-oriented che usa le librerie ncurses-1.8.5 (o successive). Un terminale a colori è consigliato ma non è necessario.

Dettagli.

Predict include il calcolo dell'azimut e dell'elevazione dei passaggi orbitali, fase orbitale, proiezione della posizione del satellita sulla superficie, inclinazione, numero dell'orbita e illuminazione del sole sulla base della data e dell'ora.

predictlogo

giovedì 12 marzo 2015

Zendroo Verification

<!-- Zendro --><meta name="verification" content="zendro-01589" /><!-- end Zendro -->

martedì 3 marzo 2015

SatTrack è un programma per il tracking dei satelliti che permette di avere due schermate aggiornate in tempo reale.

SatTrack è un programma di tracking satellitare che è stato scritto in C su una workstation UNIX. Permette di avere due schermate aggiornate in tempo reale per uno o più satelliti e due differenti metodi di predizione orbitale.

I controlli col cursore usati in entrambe le schermate sono compatibili con lo standard VT100, che permette al programma di funzionare da qualunque terminale.

Una finestra grafica opzionale X Window mostra la visualizzazione della posizione dei satelliti con il tipico mappamondo.

La predizione dell'orbita dei satelliti può essere eseguita interattivamente o in modo batch. In quest'ultimo caso tutti i parametri sono specificati da linea di comando. Il programma usa direttamente i dati per gli elementi kepleriani nel formato two-line NORAD/NASA (TLE).

La versione attuale di SatTrack può fornire la posizione di un singolo satellite e/o visualizzare più satelliti per una singola stazione di terra.

Può anche controllare appositi dispositivi della stazione di terra come antenne e apparecchi radio, e ha una modalità di autotrack grazie alla quale può passare automaticamente al tracciamento di più satelliti specificati.

sat_track3

lunedì 2 marzo 2015

Il meglio di Ubuntulandia: la top ten dei post più visti nel mese di Febbraio 2015.

 1.- Perché la scuola deve usare esclusivamente software libero.

Esistono motivazioni generali perché tutti gli utenti informatici debbano insistere con il software libero: esso offre agli utenti la libertà di poter controllare il proprio computer; con il software proprietario il computer fa quanto stabilito dal proprietario del software, non quel che vuole l’ut...

 

lunedì 23 febbraio 2015

Perché la scuola deve usare esclusivamente software libero.

Esistono motivazioni generali perché tutti gli utenti informatici debbano insistere con il software libero: esso offre agli utenti la libertà di poter controllare il proprio computer; con il software proprietario il computer fa quanto stabilito dal proprietario del software, non quel che vuole l’utente. Il software libero offre inoltre agli utenti la libertà di poter collaborare tra loro. Queste caratteristiche si applicano alla scuola come a qualsiasi altro soggetto. Lo scopo di questo articolo è di evidenziare le caratteristiche che si applicano in modo specifico al settore dell’istruzione.

In tutte le attività legate all’istruzione, come le scuole, deve esserci l’obbligo morale di insegnare solo software libero. Ecco i motivi.

Primo, il software libero consente alle scuole di risparmiare. Il software libero offre agli istituti scolastici, come ad ogni altro utente, la libertà di copiare e ridistribuire il software, di conseguenza il sistema didattico può farne copie per tutti i computer di tutte le scuole. Nei paesi poveri, ciò può contribuire a colmare il divario digitale.

software libero a scuola

domenica 22 febbraio 2015

Parole semplice e leggero media player basato su GStreamer, realizzato e sostenuto dagli sviluppatori di XFCE.

Parole Media Player è il lettore multimediale con il curioso nome " parole " significa " canzone " in italiano continua la sua marcia verso la Versione 0.60 con nuovi plugin e diverse correzioni.
 
Parole è un Media Player realizzato e sostenuto dai sviluppatori della release Xubuntu in ambiente grafico xfce, utilizza librerie framework e GStreamer ed è dotata di un'interfaccia grafica intuitiva per caricare e riprodurre audio /video.
 
Parole è completamente gratuito, significa che è possibile ridistribuirlo e /o modificarlo sotto GNU General Public License, inoltre alcuni plugin di GStreamer non sono liberi, per esempio per decodificare alcuni formati multimediali chiusi, e altri plugin hanno problemi di licenza con il loro codice sorgente, spetta a voi accettare tale licenza di questi plugin.

Parole Media Player 0.6.0

Ultimi articoli pubblicati

RSVP (Raccomandati Se Vi Piacciono)

Antipixels & Counters

SIMBA wirepress tua notizia Segnala Feed Andrix Segnala Feed iFeed WebShake – tecnologia Blogstreet - dove il blog è di casaVero Geek iwinuxfeed.altervista.org Add to Technorati Favorites ElencoSiti Aggregatore Il Bloggatore visitor stats Programming Blogs - Blog Catalog Blog Directory Feedelissimo Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog Notizie Informatiche