Debian, Ubuntu, Linux, Gnu, software libero Ubuntu, Quantal Quetzal, Raring Ringtail, Linux, Ubuntulandia, Giochi tag foto 3 Mandelbulber, grafica, multimedia, Linux, Ubuntulandia Conky, Ubuntu, Linux, Ubuntulandia, Quantal Quetzal, Raring Ringtail Python, Ubuntu, Linux, programmazione Ubuntu 13.04, Raring Ringtail, Canonical, Linux Android, Linux, Ubuntu Internet Explorer, Firefox, Chrome, Safari, internet browsers, Ubuntulandia Linux Mint, distribuzioni, Ubuntulandia

lunedì 23 febbraio 2015

Perché la scuola deve usare esclusivamente software libero.

Esistono motivazioni generali perché tutti gli utenti informatici debbano insistere con il software libero: esso offre agli utenti la libertà di poter controllare il proprio computer; con il software proprietario il computer fa quanto stabilito dal proprietario del software, non quel che vuole l’utente. Il software libero offre inoltre agli utenti la libertà di poter collaborare tra loro. Queste caratteristiche si applicano alla scuola come a qualsiasi altro soggetto. Lo scopo di questo articolo è di evidenziare le caratteristiche che si applicano in modo specifico al settore dell’istruzione.

In tutte le attività legate all’istruzione, come le scuole, deve esserci l’obbligo morale di insegnare solo software libero. Ecco i motivi.

Primo, il software libero consente alle scuole di risparmiare. Il software libero offre agli istituti scolastici, come ad ogni altro utente, la libertà di copiare e ridistribuire il software, di conseguenza il sistema didattico può farne copie per tutti i computer di tutte le scuole. Nei paesi poveri, ciò può contribuire a colmare il divario digitale.

software libero a scuola

domenica 22 febbraio 2015

Parole semplice e leggero media player basato su GStreamer, realizzato e sostenuto dagli sviluppatori di XFCE.

Parole Media Player è il lettore multimediale con il curioso nome " parole " significa " canzone " in italiano continua la sua marcia verso la Versione 0.60 con nuovi plugin e diverse correzioni.
 
Parole è un Media Player realizzato e sostenuto dai sviluppatori della release Xubuntu in ambiente grafico xfce, utilizza librerie framework e GStreamer ed è dotata di un'interfaccia grafica intuitiva per caricare e riprodurre audio /video.
 
Parole è completamente gratuito, significa che è possibile ridistribuirlo e /o modificarlo sotto GNU General Public License, inoltre alcuni plugin di GStreamer non sono liberi, per esempio per decodificare alcuni formati multimediali chiusi, e altri plugin hanno problemi di licenza con il loro codice sorgente, spetta a voi accettare tale licenza di questi plugin.

Parole Media Player 0.6.0

Disponibile per il download la nuova versione 3.0. di Bodhi Linux.

E' disponibile per il download la nuova versione 3.0. di Bodhi Linux, ecco le principali novità e come scaricarla.

La filosofia della distribuzione è di poter fornire un sistema operativo minimale, in modo che gli utenti possano completarlo scegliendo quali applicazioni installare, ma anche con un certo periodo di supporto: Bodhi, infatti, si basa sulle versioni LTS (Long Term Support) di Ubuntu.

Come impostazioni predefinite Bodhli Linux include solamente: browser di file (EFM), un browser web (Midori), un emulatore di terminale (lxterminal); PCManFM, un editor di testo (Leafpad) e Synaptic. Gli sviluppatori di Bodhi Linux mantengono un database online di applicazioni che possono essere installate facilmente con un solo click (via apturl) attraverso il Bodhi AppCenter.

Bodhi Linux è una derivata non ufficiale di Ubuntu che include di default il desktop environment Enlightenment con alcune ottimizzazioni e applicazioni dedicate. Dopo l'ottimo successo ottenuto con la versione 2.4.0, lo sviluppo della versione 3.0 di Bodhi Linux ha portato non pochi problemi a causa soprattutto del passaggio ad Enlightenment E19 e l'abbandono del progetto da parte del fondatore Jeff Hoogland assieme ad altri sviluppatori.

Alcuni sviluppatori hanno comunque deciso di continuare lo sviluppo e mantenimento di Bodhi Linux rilasciando da poche ore la Release Candidate numero 2 della futura versione 3.0.

bodhi_linux_logo2

sabato 21 febbraio 2015

Ubuntu 14.04.2 Trusty Tahr LTS: secondo aggiornamento, novità e links per il download.

L’ultima versione LTS del sistema operativo targato Canonical si aggiorna dopo 6 mesi dell’aggiornamento precedente e include tutti gli aggiornamenti rilasciati per Ubuntu 14.04 “Trusty Tahr” da Aprile 2014 ad oggi.

Le principali novità:

1.- Nuovo kernel aggiornato alla versione 3.16 includendo migliorie per il supporto hardware e ottimizzazioni varie.

2.- Supporto ai maggiori controller grafici e l’intero stack grafico, server X incluso.

3.- Il browser Firefox aggiornato alla versione 35.0.1 e il client di posta elettronica Thunderbird aggiornato alla versione 31.4.0

Ricordiamo infine che:

4.- Ubuntu Desktop 14.04 LTS insieme a Ubuntu Server, Cloud, Core, Kylin, Edubuntu e Kubuntu avranno un periodo di supporto pari a 5 anni.

5.- Lubuntu, Xubuntu, Ubuntu Studio, Ubuntu GNOME, Mythbuntu avranno invece supporto pari a 3 anni.

Le novità in dettaglio e link per il download via Distrowatch:

ubuntu 14.04.2

lunedì 16 febbraio 2015

Guida a RawTherapee: esposizione e funzioni colore.

Esposizione e Funzioni Colore.

  • Lo strumento Livelli Automatici aggiusta la foto per fornire un buon punto di partenza;
  • Diversi e potenti metodi di recupero di ombre e alteluci;
  • Due curve tono RGB dotate di quattro metodi ciascuna, per un controllo senza precedenti su colori ed esposizione;
  • Tone mapping basato sulla decomposizione con preservazione dei bordi, per un aspetto più naturale;
  • Abbondanza di regolazioni Lab per un controllo separato di colori e luminanza;
  • Evita il color shift grazie alla correzione Munsell;
  • Protezione dei toni naturali della pelle;
  • Regolazioni di crominanza e luminanza basate sulle curve;
  • Bilanciamento del bianco: automatico, manuale o uno tra una grande varietà di sorgenti predefinite;
  • Mixer canali;
  • Curve di regolazione Tonalità-Saturazione-Valore (HSV) e Rosso-Verde-Blu (RGB);
  • Adattamento del modello di aspetto colore CIECAM02, ratificato dalla Commisione Internazionale per l’Illuminazione (CIE: International Commision of Illumination) per mantenere colori accurati e, dato un insieme di parametri iniziali di condizioni di visualizzazione, convertire l’immagine in modo che abbia lo stesso aspetto nelle condizioni di visualizzazione di destinazione. L’elaborazione delle immagini con CIECAM02 si attiva attraverso una serie di metodi, utilizzando curve e cursori. Un gran numero di strumenti è stato adattato per utilizzare automaticamente la modalità CIECAM02 quando vengono utilizzati, inclusi il Tone Mapping, la Nitidezza, Elimina Margini, ecc.

RawTherapee-01

domenica 15 febbraio 2015

Guida Perl: come operare con le variabili.

Una volta valorizzate le nostre variabili, potremo utilizzare le informazioni in esse contenute per svolgere numerosi tipi di operazioni con e su di esse, ciò sarà reso possibile dall'impiego di particolari costrutti nativi messi a disposizione dal Perl, chiamati appunto "operatori".

I primi operatori che analizzeremo saranno quelli di tipo matematico che ci consentono di effettuare semplici operazioni aritmetiche come le addizioni, le sottrazioni, le divisioni, le moltiplicazioni, il calcolo delle potenze, incrementi e decrementi etc..
Si tratta di operatori comuni ad altri linguaggi utilizzabili per lo scripting server side e non solo.

L'operatore di addizione è rappresentato dal segno "+", esso ci consente di sommare i valori contenuti in due o più variabili di tipo numerico oppure, come nell'esempio che segue, di allocare all'interno di una variabile il risultato della sommatoria tra due valori numerici:

$var = 4 + 5;

perl_wallpaper

sabato 14 febbraio 2015

Come gestire i repository su Ubuntu utilizzando un'interfaccia grafica.

In questa pagina viene spiegato come gestire tramite interfaccia grafica i repository di Ubuntu.

L'interfaccia dedicata è disponibile:

  • su Ubuntu col nome Sorgenti software

  • su altre derivate è disponibile dal Gestore pacchetti nel menù Impostazioni → Repository

Gestire i repository ufficiali.

  1. Avviare l'applicazione Sorgenti software.

  2. Per abilitare o meno la ricezione dei pacchetti da un determinato repository è sufficiente mettere o togliere la spunta dalla casella a fianco al nome del repository stesso. Per i meno esperti è consigliabile che siano spuntate tutte le voci riportate in figura:

    Repo

  3. Una volta effetuate le modifiche selezionare Chiudi. Verrà automaticamente aggiornato l'elenco dei pacchetti disponibili.

Ultimi articoli pubblicati

RSVP (Raccomandati Se Vi Piacciono)

Antipixels & Counters

SIMBA wirepress tua notizia Segnala Feed Andrix Segnala Feed iFeed WebShake – tecnologia Blogstreet - dove il blog è di casaVero Geek iwinuxfeed.altervista.org Add to Technorati Favorites ElencoSiti Aggregatore Il Bloggatore visitor stats Programming Blogs - Blog Catalog Blog Directory Feedelissimo Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog Notizie Informatiche