Debian, Ubuntu, Linux, Gnu, software libero Ubuntu, Quantal Quetzal, Raring Ringtail, Linux, Ubuntulandia, Giochi tag foto 3 Mandelbulber, grafica, multimedia, Linux, Ubuntulandia Conky, Ubuntu, Linux, Ubuntulandia, Quantal Quetzal, Raring Ringtail Python, Ubuntu, Linux, programmazione Ubuntu 13.04, Raring Ringtail, Canonical, Linux Android, Linux, Ubuntu Internet Explorer, Firefox, Chrome, Safari, internet browsers, Ubuntulandia Linux Mint, distribuzioni, Ubuntulandia

martedì 13 maggio 2008

Hardy Heron: Risposte alle domande più frequenti, per iniziare ad usare subito il tuo nuovo sistema operativo

Come si installa il software contenuto nel CD/DVD
La maggior parte dei pacchetti software sono distribuiti sotto forma di archivi compressi in formato tar.gz o tar.bz2, raramente in formato binario.


We register it!

Per prima cosa è necessario decomprimere i file utilizzando i comandi

tar -xvzf nome_file.tar.gz
e

tar -xvjf nom_file.tar.bz2


a seconda del formato di compressione utilizzato. A questo punto è necessario spostarsi nella nuova directory, creata con la decompressione del pacchetto, ed eseguire i comandi seguenti:

cd nuova_directory

./configure

make

su (password di root, Invio)

make install


Nella maggior parte dei casi il programma verrà installato nella directory /usr/local e verrà creato l'eseguibile nella directory /usr/local/bin. Per eseguire l'applicazione basta scrivere il nome dell'eseguibile nella console e premere Invio. Spesso il comando configure restituisce messaggi di errore, il che significa che mancano software o librerie ausiliari (le cosiddette dipendenze). Se questo accade leggete attentamente le ultime righe dell'output e installate prima i pacchetti mancanti indicati e ripetete la procedura fino a quando il processo di configurazione non termina senza presentare errori.

Come si installa un pacchetto RPM?
Non sempre i pacchetti che utilizzano questo formato sono disponibili tra le repository della distribuzione o nei CD di installazione quindi, in alcuni casi, è necessario installarli manualmente. È possibile farlo sia con strumenti grafici come KPackage, sia da riga di comando utilizzando il comando “rpm” (RedHat Packge Manager). Supponiamo di disporre del pacchetto package.rpm, vediamo come installarlo e cosa possiamo fare con esso. Il comando per installarlo è rpm -i package.rpm. Con rpm -ivh package.rpm, non solo installiamo il software, ma visualizziamo anche informazioni su di esso e una sorta di barra di progressione. È possibile anche forzare l'installazione del software senza verificare eventuali dipendenze, basta usare il comando seguente: rpm -i --nodeps package.rpm. Se è solo necessario aggiornare il programma il comando diventa rpm -Uvh package.rpm oppure rpm -F package.rpm.

Disinstallare un pacchetto è altrettanto semplice: è sufficiente eseguire il comando rpm -e nome_pacchetto. A differenza di quanto fatto prima, per la disinstallazione non è necessario specificare il nome dell'archivio RPM ma solo il nome del programma. È anche possibile verificare se un pacchetto è installato o meno utilizzando il comando rpm -V nome_pacchetto. Infine, ricordiamo il comando rpm -qa che serve per visualizzare l'elenco di tutti i pacchetti installati nel sistema.

Prenota online i voli economici eDreams!

Come si installa un pacchetto DEB?
Dando per scontato che tutti sappiano usare tool grafici come Synaptic o Adept, è bene sapere che sono disponibili anche strumenti a riga di comando per installare pacchetti software con estensione .deb. Tra questi i più importanti sono apt-get e dpkg. Il primo, più evoluto, può essere usato come sostituto dei package manager grafici, mentre il secondo opera a livello più basso ed è indicato anche per l'installazione di pacchetti singoli. Supponiamo, ad esempio, di voler installare il pacchetto package.deb presente sul disco rigido. Il comando da utilizzare è dpkg -i package.deb. Al posto di -i è possibile usare –install. La disinstallazione è altrettanto semplice: dpkg -r nome_pacchetto. Ad esempio dpkg -r scribus. Anche in questo caso è possibile usare –remove al posto di -r. È importante però precisare che il comando precedente elimina il software ma non i suoi file di configurazione, quindi, per la rimozione completa del programma è necessario utilizzare dpkg –purge nome_pacchetto (dpkg --purge kaffeine).

Per ottenere informazioni su un pacchetto il comando da eseguire è dpkg -l nome_pacchetto, come nel caso di dpkg -l inkscape. Se non si specifica alcun pacchetto (dpkg -l), il comando precedente mostra l'elenco di tutti quelli installati nel sistema. Per quanto riguarda apt-get, i comandi più utilizzati sono apt-get update, per aggiornare l'elenco dei pacchetti, apt-get upgrade per aggiornare la distribuzione e apt-get install nome_pacchetto per installare un software: ad esempio, apt-get install gimp. Ricordate che apt-get non è adatto per l'installazione di pacchetti singoli presenti sul file system, ma solo per quelli disponibili nelle repository indicate nel suo file di configurazione /etc/apt/sources.list.


Gif_Better_468x60

Come si ricompila il kernel?
Per ricompilare il kernel già presente nel sistema, è necessario verificare che all'interno della directory /usr/src sia presente un collegamento simbolico di nome linux che punti alla directory dei sorgenti del kernel già installato, oppure la directory vera e propria, linux-2.x.x a seconda delle versione. Per ricompilare una nuova versione del kernel bisogna copiare il pacchetto (linux-2.x.xx.tar.bz2 o tar.gz, presente nel CD/DVD allegato o scaricabile dal sito www.kernel.org ) in /usr/src e successivamente si deve scompattarlo mediante:

tar -zxvf linux-2.x.xx.tar.gz

oppure

tar -xvjf linux-2.x.xx.tar.bz2

In questo modo verrà creata una nuova directory chiamata linux-2.x.xx dove sono presenti i sorgenti del nuovo kernel. A questo punto è necessario rinominare la directory

mv linux-2.x.xx linux

o creare un collegamento simbolico simbolico ad essa:

ln -s linux-2.x.xx linux

Dopo essere entrati nella nuova directory bisogna eseguire i comandi seguenti:

make menuconfig

o per avviare il programma di configurazione grafica

make xconfig

Dopo aver scelto tutti i componenti da utilizzare e il supporto per l'hardware del proprio sistema, si salva la configurazione (nel file .config) e si eseguono i comandi seguenti:

make dep

make clean

make bzImage

make modules

make modules_install

make install

468x60


Nelle nuove distribuzioni, questo è sufficiente per installare il kernel e aggiornare il boot loader, ma se questo non dovesse funzionare è possibile procedere manualmente. L'immagine del nuovo kernel è posizionata nella directory /usr/src/linux/arch/i386/boot con il nome bzImage. Questa va,. per prima cosa, copiata nella directory /boot/:

cp bzImage /boot

dopodiché, va configurato il boot loader LILO o GRUB per caricare il nuovo kernel.


Vola50_2


Ultimi post pubblicati


Get Paid to    Blog About the Things You Love


123inkjets.com    - Printer Ink, Toner, & More

Gif_Better_300x250



Ponti e    Festività 300x250

Universo Linux




Nessun commento:

Ultimi articoli pubblicati

RSVP (Raccomandati Se Vi Piacciono)

Antipixels & Counters

SIMBA wirepress tua notizia Segnala Feed Andrix Segnala Feed iFeed WebShake – tecnologia Blogstreet - dove il blog è di casaVero Geek iwinuxfeed.altervista.org Add to Technorati Favorites ElencoSiti Aggregatore Il Bloggatore visitor stats Programming Blogs - Blog Catalog Blog Directory Feedelissimo Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog Notizie Informatiche