post h1 Aptitude è un frontend per la gestione avanzata dei pacchetti di una distribuzione Debian. ~ Ubuntulandiapost h1

luglio 08, 2012

Aptitude è un frontend per la gestione avanzata dei pacchetti di una distribuzione Debian.

| No comment
road-sign-apt-get-aptitudeQuesta guida è dedicata all'uso di Aptitude.
Il completissimo Manuale Utente di Aptitude in formato html si può trovare in:

/usr/share/doc/aptitude/html/en/index.html

installando il pacchetto aptitude-doc-en. Oppure on-line al seguente indirizzo: aptitude user's manual. Purtroppo il manuale è solo in inglese.

Cos'è Aptitude

Aptitude è un frontend per la gestione avanzata dei pacchetti di una distribuzione Debian, ma risulta valido per tutte le distribuzioni che supportano APT (http://www.debian.org/doc/manuals/apt-howto/ch-distros.it.html).
Aptitude è ormai lo strumento preferenziale per l'amministrazione dei pacchetti su Debian, in quanto non solo raggruppa in un unico semplice programma le funzionalità di molti tool (apt-get, apt-cache, etc.) ma anche perché permette di gestire in modo molto più facile (ed efficace) situazioni complesse (dipendenze, dipendenze inverse, rimozione pacchetti non utilizzati, etc).
Aptitude è un frontend a dpkg esattamente come apt-get, che sembra essere destinato a sostituire integralmente lo stesso apt-get (e affini), tanto che nelle release notes di Sarge si legge:
Info.png
Citazione:
Il metodo di aggiornamento raccomandato fra le release Debian GNU/Linux prevede l'utilizzo dello strumento di gestione dei pacchetti Aptitude. Tale strumento rende le decisioni riguardanti le installazioni dei pacchetti più sicure che l'esecuzione diretta di apt-get.
ed anche:
Info.png
Citazione:
Test di aggiornamento hanno mostrato che la versione di Sarge di Aptitude è migliore sia di apt-get sia della versione di Woody di Aptitude nella risoluzione di dipendenze complesse durante un aggiornamento.
Si può utilizzare Aptitude in due modi: da linea di comando, cioè come apt-get (la sintassi e le opzioni sono identiche, o quasi), oppure tramite l'interfaccia visuale basata sulle librerie ncurses.
L'interfaccia visuale verrà trattata più diffusamente, perché si ritiene che sia uno strumento fondamentale per la gestione dei pacchetti e soprattutto per la diagnostica e la risoluzione degli eventuali problemi riscontrati.

Info.png
Prima di iniziare
Prima di iniziare a mettere le mani sulla tastiera, notiamo che Aptitude, a differenza della maggior parte delle opzioni di apt-get, si può lanciare anche con i diritti di utente comune.
Poiché per l'effettiva installazione o rimozione dei pacchetti è necessario possedere i diritti di root, è possibile e caldamente consigliato usare questa possibilità per effettuare qualunque prova, visto che non si sarà in grado di modificare neanche una virgola del sistema prima di aver inserito la password di root.

Uso da linea di comando

Anche dalla linea di comando l'uso di Aptitude è molto semplice e comodo. Si usa in genere la seguente forma:
aptitude azione [argomenti...]

azione dice ad Aptitude quale azione svolgere; i rimanenti argomenti dipendono dall'azione scelta e consistono tipicamente in una lista di nomi di pacchetti.

Le azioni più importanti sono:

aptitude update
aggiorna la lista dei pacchetti (come premere 'u' dall'interfaccia visuale o come apt-get update)
aptitude safe-upgrade
aggiorna tutti i pacchetti aggiornabili senza che nascano conflitti. Se l'aggiornamento di un pacchetto causa un conflitto il pacchetto non viene aggiornato (piuttosto che, ad esempio, rimuovere i pacchetti che generano il conflitto)
aptitude full-upgrade
anche questo comando aggiorna tutti i pacchetti, ma è più aggressivo nella risoluzione delle dipendenze: nuovi pacchetti saranno installati e altri rimossi, fino a quando tutte le dipendenze non saranno soddisfatte. Questo comando potrebbe fare cose non desiderate (come, appunto, installare nuovi pacchetti o rimuoverne altri) quindi deve essere usato con cautela.
aptitude [ install | remove | purge | reinstall ] pkg1 [pkg2...]
questi comandi installano, rimuovono o fanno il purge (eliminazione anche dei file di configurazione) dei pacchetti specificati.
aptitude search espressione1 [espressione2...]
mostra su terminale i pacchetti che contengono nel nome una delle espressioni fornite. Le espressioni possono essere semplici stringhe o anche espressioni più complesse ("Search Patterns").
aptitude show pkg1 [pkg2...]
mostra su terminale le informazioni di ogni pacchetto specificato.
I comandi che installano, aggiornano o rimuovo pacchetti accettano tutti il parametro -s che sta per "simula". Quando viene passato -s nella linea di comando, Aptitude svolge tutte le azioni che svolgerebbe normalmente, ma non scarica o installa/rimuove effettivamente nessun file.

Interfaccia grafic

Descrizione dell'interfaccia grafica
La prima schermata che Aptitude ci presenta, dopo che l'abbiamo lanciato da linea di comando, e dopo il caricamento delle informazioni attuali sui pacchetti ("caricamento della cache"), è divisa orizzontalmente in due parti.

Nella parte superiore troviamo una zona a sfondo blu con un menù che propone diverse opzioni (al quale si accede digitando Ctrl+T), e una zona a sfondo nero in cui si vede l'albero dei pacchetti disponibili, classificati in base al loro stato (installati, non installati, ecc.).

Per vedere il contenuto di uno dei rami usiamo le frecce "su" e "giù" fino a selezionare la riga corrispondente e premiamo invio. Sotto al ramo in questione ora abbiamo dei sotto-rami, e premendo invio sui vari sotto-rami si accede allo stesso modo ai sotto-sotto-rami e così via, fino ad arrivare ai pacchetti.

La parte inferiore è invece dedicata alla descrizione del pacchetto attualmente selezionato. Alcuni pacchetti, per esempio k3b, hanno una descrizione molto lunga: premendo TAB e usando le frecce è possibile leggerla tutta.

Ogni riga che mostra il nome di un pacchetto riporta anche molte informazioni. Per esempio, riporta lo stato di alcuni pacchetti nel mio sistema.

stato    nome                 vers. attuale    vers. aggiornata

i        aptitude             0.2.15.9-2       0.2.15.9-2
i        amule                2.0.3-3          2.0.3-4
i A      amule-common         2.0.3-3          2.0.3-4
c        hotplug              <nessuna>        0.0.200403
p        apmd                 <nessuna>        3.2.2-3


Possiamo vedere che:

  • aptitude è installato ed è alla versione più recente

  • amule è installato ma è aggiornabile alla versione 2.0.3-4

  • amule-common è installato per soddisfare una dipendenza (A), cioè solo a causa di un pacchetto che dipende da lui (amule). Anch'esso è aggiornabile

  • hotplug non è installato, ma quando l'ho cancellato ho scelto di mantenere i file di configurazione (c)

  • apmd non è installato (p), oppure è stato cancellato con l'opzione "purge" (comando: "_"): lo stato risultante è il medesimo

Tramite semplici comandi si possono visualizzare molte altre informazioni. I comandi principali sono:

v    visualizza le versioni disponibili per il pacchetto;
d       visualizza le dipendenze del pacchetto;
r    visualizza i pacchetti che dipendono dal pacchetto selezionato (dipendenze inverse);
C       scarica da internet e visualizza il changelog del pacchetto;
q       chiude la schermata attuale e passa a quella precedente.

Per una lista completa vedere la guida online con ?.

Ora premiamo invio su di un pacchetto: ci appare la schermata relativa al pacchetto, con la descrizione completa e molte altre informazioni, organizzate ad albero come abbiamo già visto. Se ci interessa qualche informazione in più su uno dei pacchetti che troviamo in questa schermata, lo selezioniamo e premiamo invio: appaiono le versioni disponibili del pacchetto. Se selezioniamo una delle versioni e premiamo invio ci ritroviamo nella schermata informativa di quel pacchetto. Fate attenzione perché in questo modo si può perdere facilmente l'orientamento. Torniamo alla vista dell'albero dei pacchetti premendo q tante volte quanto serve (se vi sbagliate e lo premete una volta in più, Aptitude vi chiede se volete uscire dal programma: per il momento dite di no ;-)).
Riassunto principali comandi
u (minuscolo)  aggiorna la lista dei pacchetti.
+  marca il pacchetto selezionato per l'installazione o l'aggiornamento;
- (segno meno)  marca il pacchetto selezionato per la rimozione;
_ (underscore)  marca il pacchetto selezionato per la rimozione, eliminando tutti i file di configurazione (purge);
U (maiuscolo)  marca per l'aggiornamento tutti i pacchetti per cui sia disponibile una nuova versione;
=  mette in hold il pacchetto selezionato. Questo vuol dire che il pacchetto non verrà aggiornato anche se una nuova versione è disponibile e si seleziona di aggiornare i pacchetti (ad esempio con U);
C (maiuscolo)  scarica e mostra il changelog del pacchetto selezionato;
b  trova il prossimo pacchetto difettoso;
g  procede con l'installazione, la rimozione e l'aggiornamento.

Info.png

Nota

Dopo aver premuto uno dei comandi +, -, _ o U bisognerà premere due volte g per eseguire le azioni richieste: dopo la prima volta verrà visualizzata la lista dei pacchetti installati/aggiornati/rimossi/mantenuti, dopo il secondo g verranno eseguite le operazioni richieste.
Esempio: aggiornare i pacchetti
Per la descrizione dell'utilizzo di Aptitude useremo come esempio una sessione reale, in cui vengono svolte alcune normali operazioni di aggiornamento e amministrazione dei pacchetti.

Per prima cosa, nella nostra sessione di amministrazione, aggiorniamo le informazioni sui pacchetti disponibili. Con apt-get avremmo digitato apt-get update, mentre in Aptitude è sufficiente premere u.

Fate attenzione perché Aptitude non chiede conferma dopo che avete impartito un comando, quindi non digitate nulla senza prima essere sicuri/e di cosa state per fare.

Dopo aver fatto l'update potremmo trovare una, due, o tre voci nuove nell'albero dei pacchetti: "Aggiornamenti di sicurezza", "Pacchetti aggiornabili", e "Pacchetti nuovi". Per fare scomparire le prime due è necessario aggiornare tutti i pacchetti contenuti nei rispettivi rami, mentre per far sparire la terza è sufficiente premere f (forget).

Una buona regola per l'amministratore è quella di far sì che alla fine dell'aggiornamento queste tre voci non siano presenti. Se ci sono dei pacchetti che risultano aggiornabili, ma che non volete aggiornare, probabilmente dovreste bloccarli alla versione desiderata con =, oppure dovreste leggere la guida già citata sul pinning.

Ora torniamo ai pacchetti mostrati prima e supponiamo di voler aggiornare amule: lo selezioniamo e premiamo +. Questo marcherà in verde, cioè per l'installazione, sia amule che amule-common.

Poi però ci viene un'idea migliore, e decidiamo di aggiornare tutti i pacchetti aggiornabili, quindi digitiamo ^ per risalire al ramo superiore della vista, finché arriviamo a "Pacchetti installati" poi usiamo la freccia in alto e se necessario risaliamo ancora ai rami superiori finché non arriviamo a "Pacchetti aggiornabili" e qui premiamo +. Questo marcherà per l'installazione tutti i pacchetti aggiornabili :-D

Risolvere eventuali problemi con delle dipendenze

Dopo aver marcato per l'installazione tutti i pacchetti aggiornabili, Aptitude ci segnala nella zona blu che c'è un pacchetto "errato" cioè con problemi di dipendenze. Senza battere ciglio premiamo b e leggiamo:


iB      udev           0.070    0.074


dove "B" significa "con errori", e sotto si legge:

Alcune dipendenze di udev non sono soddisfatte:

  *udev è in conflitto con module-init-tools (< 3.2pre9-1)

premiamo invio su udev, e ci appare la schermata con tutte le informazioni su udev stesso, comprese le dipendenze: selezioniamo module-init-tools e premiamo invio. Ora ci appaiono tutte le versioni disponibili di module-init-tools, tra cui vediamo che è presente la 3.2pre9-1: non ci resta che selezionarla e marcarla per l'installazione :-D.

Quello che è successo è semplicemente che nel mio sistema udev è in testing, e fino alla versione 0.070 funzionava bene con module-init-tools-3.2pre1-2, che invece è in stable. Aggiornando tutto abbiamo marcato per l'installazione il nuovo udev, versione 0.074, che però dipende da module-init-tools >= 3.2pre9-1. Poiché questo pacchetto è in testing, APT non ha potuto risolvere la dipendenza automaticamente: se un pacchetto è in una distribuzione (e APT è configurato nel modo giusto) non verrà mai passato ad un'altra, a meno che non siamo noi a farlo manualmente.

Si prega di notare che questo comportamento non è un bug, ma una cosa voluta: APT ha ricevuto un comando ambiguo e lo segnala generando un errore, proprio come noi ci aspettiamo da lui ;-).

In effetti, i reali colpevoli della generazione dell'errore siamo noi. Infatti, per permettere ad APT di gestire correttamente delle dipendenze in testing, dobbiamo semplicemente usare "testing" come distribuzione predefinita.

Ricordate che abbiamo lanciato Aptitude semplicemente con il comando aptitude? E ricorderete anche che il mio sistema è una Sarge (stable). Questo equivale a lanciare Aptitude con il comando aptitude -t stable, da cui il nostro problema.

Se avessimo usato aptitude -t testing Aptitude avrebbe risolto correttamente la dipendenza, ma attenzione: in questo modo diciamo ad Aptitude che testing è la nostra release predefinita (che non è vero) e lui ci mostrerà come aggiornabili tutti i pacchetti che lo sono in testing, cioè anche tutti quelli in stable (come peraltro ci aspettiamo che faccia ;-)).

Il fatto è che Aptitude, per quanto avanzato, ancora non legge il pensiero dell'amministratore, e fa solo il suo mestiere: prende tutte le decisioni ovvie autonomamente, e genera un errore quando non sa cosa decidere.

Cercare un pacchetto.

Ora supponiamo di voler vedere se in Debian c'è qualche programma per la gestione dei contenuti, e l'acronimo in inglese è "cms". Per fare questo possiamo usare le funzioni di ricerca di Aptitude: per prima cosa digitiamo / per la ricerca della stringa "cms" nei nomi dei pacchetti.

Ora però ci viene in mente che un cms non contiene necessariamente la stringa "cms" nel nome, quindi facciamo, con la stessa stringa, una ricerca nelle descrizioni dei pacchetti: digitiamo ancora / e inseriamo "~dcms". Aptitude ci mostra il primo risultato della ricerca, per vedere i risultati successivi premiamo n, e per tornare indietro nella lista \.

Per Limitare la lista dei pacchetti visualizzati possiamo usare il comando l, che si usa allo stesso modo di / ma mostra tutti e soli i pacchetti corrispondenti alla ricerca, organizzati ad albero nel modo che abbiamo già visto.
Ricerca avanzata.
Aptitude supporta numerose opzioni di ricerca come il precedente ~d per cercare una stringa nelle descrizioni. La stringa di ricerca può inoltre essere una REGEXP (espressione regolare). Queste opzioni possono essere usate indifferentemente da linea di comando (dopo search) che dall'interfaccia grafica (premendo / oppure l).

Di seguito si riporta qualche esempio. Fare riferimento alla guida di Aptitude citata all'inizio per i dettagli.

Volete sapere quali pacchetti di gnome 2.14 son entrati in Etch? Semplice:

$ aptitude search gnome~V2.14

Il seguente comando cerca invece i pacchetti che contengono editor nella descrizione e che appartengono alla sezione sound:


$ aptitude search ~deditor~ssound

Personalizzare la visualizzazione dei pacchetti.

Con Aptitude è possibile personalizzare sia i campi visualizzati nella lista dei pacchetti, sia il raggruppamento in sezioni e sotto-sezioni.
Personalizzare il raggruppamento in sezioni.
Le sezioni nelle quali sono raggruppati i pacchetti quando si avvia Aptitude (e non solo) sono generate dinamicamente da un insieme di regole separate da virgola. È possibile vedere e modificare le regole che generano la vista attuale premendo G.

Le regole vengono elaborate in sequenza dalla prima all'ultima.

Vediamo alcune regole:
filter(missing)
non visualizza i pacchetti che esistono solo nelle dipendenze di un altro pacchetto.
status
Raggruppa i pacchetti in:



  • Installati

  • Non installati

  • Aggiornamenti della sicurezza

  • Aggiornabili

  • Obsoleti

  • Virtuali

section[(mode[,passthrough])]
Raggruppa i pacchetti in base alla loro sezione. mode può assumere uno dei seguenti valori:
topdir
Raggruppa un base alla sezione dell'archivio Debian (esempio: "main", "contrib", "non-free" ...).
subdir
Raggruppa in base alla sezione logica (esempio: "admin", "base", "devel", "gnome", "kde", ecc ...)
none
Raggruppa in base delle sezioni formate dalla somma delle precedenti (esempio: "contrib/admin", "contrib/devel", "non-free/admin", "non-free/devel").
task
Crea un albero dei pacchetti raggruppandoli per task.
Se viene usato il secondo parametro opzionale passthrough i pacchetti che per qualche motivo non hanno una sezione vengono passati alla regola successiva senza essere inseriti in categorie.


All'avvio di Aptitude, premendo G si può vedere che vengono usate le seguenti regole:

filter(missing),task,status,section(subdir,passthruough),section(topdir,passthrough)

In base a quanto detto la spiegazione di queste regole è semplice: visualizza solo i pacchetti reali, crea l'albero dei task, raggruppa i pacchetti per stato, per ogni stato raggruppa in sezioni logiche e all'interno di ogni sezione logica raggruppa in base alla sezione dell'archivio.

Di seguito sono elencati i nomi di alcune distribuzioni che usano APT:

Debian GNU/Linux (http://www.debian.org) - la distribuzione per la quale è stato sviluppato APT

Conectiva (http://www.conectiva.com.br) - è stata la prima distribuzione a fondere insieme APT con rpm








Sun Solaris (http://www.sun.com/)


Yellow Dog Linux (http://www.yellowdoglinux.com/)
 
Ricerca personalizzata



Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
, , , , , , , ,

Nessun commento:

Posta un commento

Caricamento in corso...

Ultimi post pubblicati

Archivio

Ubuntulandia in Instagram

>center>

Post Più Popolari