post h1 Rilasciata la nuova versione di Clone Zilla Live live cd per creare il backup o la clonazione del proprio sistema. ~ Ubuntulandiapost h1

settembre 17, 2014

Rilasciata la nuova versione di Clone Zilla Live live cd per creare il backup o la clonazione del proprio sistema.

| No comment

Clonezilla Live è un live cd che permette di creare il backup o la clonazione del proprio sistema tramite una semplice interfaccia semigrafica.

Supporta numerosi filesystem, tra i quali:

  • ext2
  • ext3
  • ext4
  • reiserfs
  • reiser4
  • xfs
  • jfs (GNU/Linux)
  • UFS (FreeBSD, NetBSD e OpenBSD)
  • FAT, NTFS (MS Windows)
  • HFS+ (MacOSX)
  • VMFS (VMWare ESX)

Non supporta di base il software RAID/fake RAID.

clonezilla

È necessario che la partizione di destinazione sia di dimensioni pari o maggiori rispetto alla partizione di origine per il corretto funzionamento del backup.

Steven Shiau has released a new stable version of Clonezilla Live, a Debian-based specialist live CD designed for disk cloning and backup tasks: "This release of Clonezilla live (2.2.4-12) includes major enhancements and bug fixes. Enhancements and changes: the underlying GNU/Linux operating system has been upgraded, this release is based on the Debian 'Sid' repository as of 2014-09-15; Linux kernel has updated to 3.16.2; the Partclone package has been updated to 0.2.73 with new support for f2fs and updated exfat lib; drbl has been updated to 2.9.2; Clonezilla has been updated to 3.10.33; syslinux has been updated to 6.03-pre20; added f2fs-tools, iw, davfs2, fstransform and rfkill; Turkish language files have been added. Bug fixes: the vmwgfx.enable_fbdev=1 instead of vmwgfx.enable_fbdev=no is used in boot parameters; now we use vesafb instead of uvesafb in both Debian-based and Ubuntu-based Clonezilla Live." Here is the brief release announcement. Download (SHA256): clonezilla-live-2.2.4-12-amd64.iso (148MB, pkglist), clonezilla-live-2.2.4-12-i686-pae.iso (146MB), clonezilla-live-2.2.4-12-i486.iso (147MB).

  • Il live cd permette il login tramite il profilo user, utente autorizzato all'utilizzo di sudo.

  • La password per acquisire i diritti di root è «live», è quindi possibile eseguire un terminale root digitando:

sudo su -

Proprio per questo è consigliato cambiare la password nell'eventualità di permettere l'accesso da remoto alla propria macchina tramite il comando:

passwd

  • Il servizio ssh non viene caricato automaticamente all'avvio di sessione, se necessario caricarlo digitando il seguente comando:

/etc/init.d/ssh start

clonezilla1

Preparativi.

Scaricare l'immagine da masterizzare al seguente indirizzo.

Per avviare Clonezilla live il pc deve essere impostato per effettuare il boot dal CD. Inserire il CD nel lettore CD-ROM e riavviare il computer. Se l'installazione non dovesse partire è necessario impostare il BIOS affinché esegua l'avvio dal lettore CD-ROM (consultare il manuale d'uso).

Avvio del live cd.

La prima schermata di Clonezilla live permette la scelta della modalità di avvio del sistema. Le opzioni sono le seguenti:

  • Clonezilla live (Default settings, VGA 800x600): avvia Clonezilla live con le opzioni standard e una risoluzione di 800x600.

  • Other modes of Clonezilla live : permette di selezionare l'avvio del live cd con opzioni differenti da quella standard.

  • Local operating system in harddrive (if available): avvia il sistema operativo installato su disco fisso, se presente.

  • Memtest & freedos: per utilizzare gli strumenti di test della memoria e FreeDOS.

  • Network boot: per avviare un boot da rete internet o rete PXE.

per proseguire con il backup selezionare Clonezilla live o in alternativa Other modes of Clonezilla live dal cui sottomenu sarà poi possibile scegliere tra:

  • Clonezilla live (Default settings, VGA 1024x768): avvia Clonezilla live con le opzioni standard e una risoluzione di 1024x768.

  • Clonezilla live (Default settings, VGA 640x480): avvia Clonezilla live con le opzioni standard e una risoluzione di 640x480.

  • Clonezilla live (To RAM, boot media can be removed later): carica Clonezilla live interamente in memoria in modo da poter estrarre il cd a sessione avviata.

  • Clonezilla live (safe graphic settings, vga=normal): avvia Clonezilla live con le impostazioni grafiche sicure.

  • Clonezilla live (Failsafe mode): avvia Clonezilla live in modalità failsafe, da usare se nessuna altra impostazione funziona.

una volta effettuata la scelta verrà chiesto di selezionare da una lista la propria lingua e il layout della tastiera, scorrere fino all'opzione desiderata e premere Invio per confermare.

Effettuare il backup.

clonezilla2

Salvare un'immagine del disco.

Questa opzione permette di creare una immagine del disco da salvare su di un altro disco o partizione con sufficiente spazio a disposizione.

  • Una volta avviato Clonezilla selezionare l'opzione device-image disco/partizione su/da immagine, local_dev Uso la periferica locale per impostare l'utilizzo di hard disk o altri dispositivi di memoria collegati al computer e selezionare la periferica prescelta per ospitare l'immagine di backup tra quelle disponibili nell'elenco scegliendo l'opzione savedisk.

  • Dare un nome all'immagine e selezionare il disco sorgente seguendo la semplice interfaccia a disposizione e premere ok per avviare il backup.

Ripristinare un'immagine del disco.

Questa opzione permette di ripristinare una immagine creata precedentemente.

  • Una volta avviato Clonezilla selezionare l'opzione device-image disco/partizione su/da immagine, local_dev Uso la periferica locale per impostare l'utilizzo di hard disk o altri dispositivi di memoria collegati al computer e selezionare la periferica che ospita l'immagine di backup tra quelle disponibili nell'elenco scegliendo l'opzione restore-disk.

  • Scegliere l'immagine ed il disco da recuperare seguendo la semplice interfacci a disposizione e premere ok per avviare il ripristino.

Attenzione: nel caso in cui si usi un disco nuovo sul quale copiare l'immagine di un'intero disco e non di una sola partizione, ed inoltre non sia stato copiato l'MBR del disco vecchio selezionando le opzioni corrette in clonezilla, bisognerà premurarsi di ripristinare anche il bootloader (Grub) una volta che il processo di copia è terminato. A tale scopo si utilizzano procedure leggermente complesse per fare in modo che il bootloader venga riscritto e possa così vedere nuovamente le partizioni. Un metodo automatico, che spesso risolve il problema senza perdite di tempo, consiste nell'uso di un piccolo programma installabile su cd o su chiavetta USB che si chiama boot-repair. Lo stesso discorso vale nel caso di clonazione disco-disco (vedi sotto).

Clonazione disco-disco.

Questa opzione permette di clonare un disco esistente su un altro disco di dimensioni pari o maggiori.

  • Una volta avviato Clonezilla selezionare l'opzione device-device disco/partizione su disco/partizione quindi selezionare tramite l'interfaccia semigrafica il disco di origine ed il disco obiettivo.

Creare una Recovery Clonezilla.

Questa opzione permette di creare una live personalizzata di Clonezilla con la quale effettuare il backup del proprio sistema.

  • Una volta avviato Clonezilla selezionare l'opzione device-image disco/partizione su/da immagine, local_dev Uso la periferica locale per impostare l'utilizzo di hard disk o altri dispositivi di memoria collegati al computer e selezionare la periferica prescelta per ospitare l'immagine di backup tra quelle disponibili nell'elenco scegliendo l'opzione savedisk.

  • Scegliere quindi l'opzione recovery-iso-zip e selezionare l'immagine da includere.

  • Impostare il disco obiettivo per la futura azione di ripristino, scegliere quindi la lingua e la tastiera che verranno utilizzate e avviare la creazione del file .iso.

clonezilla cd

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

,

Nessun commento:

Posta un commento

Caricamento in corso...

Ultimi post pubblicati

Archivio

Ubuntulandia in Instagram

>center>

Post Più Popolari