gennaio 14, 2018

Atom è un editor di testo open source in continua crescita, stabile e sempre aggiornato.

| 2 Comments

Atom è un editor di testo e IDE open source e sviluppato da GitHub, rilasciato nel 2014.

Esso è basato su Chromium ed è scritto in CoffeeScript, il che gli permette di essere eseguito su qualsiasi piattaforma supportata da Chromium.

Atom si presenta come un libro vuoto, dove tu andrai a scrivere la tua storia, che sarà unica e renderà anche quel libro unico.
Atom editor Open Source

Atom un editor Open Source, gratuito e in continua crescita.

Ma passiamo alla domanda cruciale: perchè dovresti passare ad Atom?
Leggi anche: Brackets è un moderno editor di testo che rende semplice programmare per il web.
Di seguito ti elenco alcuni ottimi motivi.

Un editor Open Source, gratuito e in continua crescita.


Ovviamente è un punto molto importante per gli utenti Linux o, in generale, per chi contribuisce a progetti di questo genere. Se appartieni a questa categoria di persone dovresti già capire l’importanza di questa cosa, ma se non sei uno di questi, proverò a spiegarti perchè il fatto che Atom sia rilasicato sotto questa licenza sia importante.

Se usi un software Open Source, significa che avrai un programma stabile e sempre aggiornato, perchè c’è una marea di gente che ci lavora, e anche tu puoi diventare uno di questi.
Atom editor di testo open source in continua crescita.
Oltre a questo utilizzare progetti realizzati seguendo questa filosofia ti permetterà anche di crescere come sviluppatore.

Come dicevo nell’apertura di questo articolo, Atom è stato lanciato dal team di GitHub che sfrutta sapientemente la propria piattaforma pubblicando l’intero codice del progetto all’interno di un repository pubblico.
Atom è un editor di testo open source in continua crescita, stabile e sempre aggiornato.Twitta
Non sottovalutare questo aspetto perché partecipando allo sviluppo di un progetto Open Source potrai entrare in contatto con centinaia di colleghi e imparare direttamente da loro!

Nello specifico, seguendo gli sviluppi in Atom imparerai come una complessa applicazione può avere ottime prestazioni con Electron e scoprirai come vengono usati JavaScript e CoffeeScript per realizzare le funzioanlità interne a questa applicazione.

Estendi le funzionalità dell’editor con i package.


Le estensioni o Package sono un altro punto di forza dell’editor, in quanto ti permettono di aggiungere funzionalità che rendono più comodo e veloce il lavoro di ogni sviluppatore. Puoi trovare una migliaia di estensioni da installare nel tuo editor, tutte consultabili via web cliccando qui o disponibili direttamente all’interno dell’applicazione.

Installazione.


Vediamo come installarle.

A seconda del sistema operativo la posizione nelle voci menu possono variare, ma generalmente se sei su sistemi OSX dovrai cliccare in alto sul nome dell’applicazione e selezionare la voce Preferenze mentre sui sistemi Windows e Linux questa stessa voce si trova all’interno del menu Modifica (o Edit) a seconda della lingua impostata.

Atom è molto famoso anche per le scorciatoie da tastiera che mette a disposizione, praticamente puoi fare di tutto senza alzare le tue mani dalla tastiera ma per avere un percorso di apprendimento fedele non posso fare a meno di consigliarti il corso su Atom dove abbiamo speso decine di ore nell’organizzare al meglio le informazioni per aiutarti a usare al meglio questo potente editor.

Una volta aperta la finestra delle Preferenze puoi selezionare sulla colonna sinistra la voce Install e ti si aprirà un campo di ricerca che ti permetterà di installatre l’estenzione che stai cercando.

Se invece sei a caccia di qualche nuova estensione non dovrai far altro che controllare quelle consigliate dallo stesso Atom (che a dirla tutta sono consigliate dalla community di utenti coinvolti nel progetto).



Se ti è piaciuto l'articolo iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog
rss-icon-feed-512x5126
,

2 commenti:

Ultimi post pubblicati

Ubuntulandia in Google+

Archivio

Ubuntulandia in Pinterest

Post Più Popolari