post h1 Storia di UNIX: Ma che cosa è UNIX esattamente? ~ Ubuntulandiapost h1

ottobre 23, 2010

Storia di UNIX: Ma che cosa è UNIX esattamente?

| 1 Comment
Esiste una certa confusione su cosa sia UNIX. Poiché Linux è in qualche modo legato a UNIX, in questo scritto desidero fare una brevissima storia di UNIX.

La storia di UNIX inizia nei laboratori Bell della AT&T nel 1969, dove alcuni programmatori iniziarono a scrivere un sistema operativo per il PDP-7, uno dei primi calcolatori a transistor.

Nel '73 questo sistema venne scritto in C e da qui inizia la sua fortuna. Nel '75 viene scritta la Versione 6 di UNIX, che divenne largamente utilizzata anche fuori dai laboratori Bell.

Essendo allora UNIX libero, ogni venditore di macchine si faceva una versione proprietaria esclusiva, un po' diversa ed spesso incompatibile con le versioni degli altri venditori.

Questa situazione creava un certo imbarazzo per i produttori di applicazioni, che erano costrette a scrivere una versione per ogni venditore. Anche per gli amministratori di sistemi la vita non era facile, passare da una macchina ad un'altra era spesso molto faticoso.


Nel 1984 si forma la X/Open, una società cha ha lo scopo di definire gli standard di sistemi aperti.
Nel 1987 AT&, tuttora titolare del marchio UNIX, assieme a Sun costituirono UNIX International, proprio per dar vita a degli standard unici per UNIX. Ma come sempre succede, i tentativi di unificazione possono essere visti come tentative di sopraffazione e cosi' gli altri venditori di UNIX crearono un organismo con le stesse finalità, ma diverso, chiamato Open Software Foundation.

Nel 1993 AT&T, che aveva trasferito tutte le attività UNIX ad una apposita società (la UNIX System Laboratories), vende questa stessa a Novell.

Novell suddivide le attività UNIX in due: vende il marchio e l'utilizzo del marchio a X/Open e nel 1995 vende l'attività ( i laboratori ), battezzati per l'occasione UnixWare, a SCO.

L'anno dopo X/Open e l'Open Software Foundation si fondono nel "The Open Group".
Nel frattempo X/Open aveva fatto un importante lavoro di standardizzazione della API (Application Program Interface), producendo prima lo standard 1170, successivamente UNIX 95, poi Single UNIX Specification, Version 2, poi ancora (1998) UNIX 98.

The Open Group non solo concede il marchio, ma attraverso appositi programmi, permette ai programmatori di verificare la corrispondenza alle specifiche. Inoltre protegge l'uso del marchio (ovvero fa azioni legali contro chi lo usa impropriamente). Utilizzare il marchio UNIX costa cifre molto elevate.
Linux quindi non può fregiarsi del nome UNIX, ne tantomeno nasce da dialetti Unix esistenti. È un codice nato del tutto al di fuori della storia Unix, ma ne mima le funzioni portandole a processori di classe inferiore di quelli che usano tradizionalmente UNIX, ovvero i PC. (Intel 386, 486 ecc, Alpha, Mac..).

La causa di SCO contro Linux.

Inizialmente la SCO supportò Linux con una propria distribuzione e collaborò attivamente nell'intento di rendere più appetibile il suo Unix schiacciato dalla concorrenza Microsoft; accadde, però, che mentre la SCO perdeva le vendite a causa di un inadeguato supporto commerciale, le piccole ditte di Linux crescevano incredibilmente.

La crescita di Linux causò non pochi problemi a SCO, che venne schiacciata dalla forte crescita di Linux da un lato e dalla forza commerciale di Microsoft dall'altro. Decise allora di ricorrere per vie legali contro IBM e altre società che utilizzavano fortemente Linux al centro del proprio business. Le accuse riguardano presunte violazioni di copyright nel kernel di Linux; ciò significa che alcune parti di Linux, secondo SCO, sarebbero state copiate dal kernel di Unix, di cui SCO afferma di detenere i diritti.

All'inizio del 2007 SCO fornì i dettagli specifici della presunta violazione di copyright. Diversamente dalle precedenti affermazioni che vedevano SCO proprietaria di 1 milione di righe di codice, specificarono soltanto 326 linee di codice, la maggior parte del quale non era coperto da copyright. Ad Agosto 2007, la corte nel caso Novell stabilì, per cominciare, che SCO non possedeva neanche i diritti di copyright su Unix.

Curiosamente anche BSD soffrì di un attacco legale simile (relativamente alla neo-distribuzione BSD/386), ad opera della AT&T. La disputa si concluse nel 1994, largamente a favore di BSD, dove, tra 18000 file, soltanto 3 dovettero essere rimossi dal sistema e 70 modificati in termini di licenza.

Segue una cronologia copiata dal sito UNIX-systems e tradotta per l'occasione:

  • 1969 Il principio della storia di UNIX ha inizio nel 1969, quando Ken Thompsom, Dennis Ritchie ed altri cominciano a lavorare su di un "PDP- 7 poco usato e messo in un angolo" nei Bell Labs a quello che sarebbe diven uto UNIX.
  • 1971 La Prima edizione aveva un assembler per un PDP-11/20, un fi le system, il fork(), roff e ed. Veniva usato per la elaborazione di testi dei d ocumenti di brevetto.
  • 1973 La Quarta Edizione fu riscritta in C. Questo la rese portabi le e cambiò la storia dei Sistemi Operativi.
  • 1975 La Sesta Edizione viene rilasciata. Chiamata comunemente anch e Version 6, questa è la prima largamente disponibile fuori dai Bell Labs . La prima versione BSD (1.x) fu derivata dalla V6.
  • 1979 La Settima Edizione fu "un miglioramento sia per i prec edenti che per gli Unices successivi" [Bourne]. Aveva il C, UUCP e l a Bourne Shell. Fu effettuato il porting per il VAX ed il kernel era più di 40 Kilobytes (K).
  • 1980 Xenix: Microsoft presenta Xenix. 32V e 4BSD sono introdotti.
  • 1982 System III: UNIX System Group (USG) di AT&T rilascia System III, la prima versione pubblica esterna ai Bell Laboratories.
  • 1983 System V: Computer Research Group (CRG), UNIX System Group ( USG) ed un terzo gruppo si fondono per divenire UNIX System Development Lab. AT& T annuncia System V, la prima versione supportata.
  • 1984 4.2BSD: L'Università della California a Berkeley rila scia il 4.2BSD.
  • 1984 SVR2: Viene presentato System V versione 2. In questo anno c i sono 100.000 UNIX installati in tutto il mondo.
  • 1987 SVR3: System V versione 3 che comprende STREAMS, TLI, RFS. A questo punto ci sono 750.000 UNIX installati in tutto il mondo.
  • 1988 Viene pubblicato POSIX.1. Vengono create la Open Software F oundation (OSF) e UNIX International (UI).
  • 1989 AT&T forma UNIX Software Operation in preparazione del dis tacco di USL.
  • 1989 SVR4: unificando System V, BSD e Xenix viene rilasciato UNI X System V versione 4.
  • 1990 XPG3: X/Open lancia il marchio XPG3.
  • 1991 UNIX System Laboratories (USL) diventa una società con maggioranza controllata da AT&T.
  • 1992 SVR4.2: USL rilascia UNIX System V versione 4.2 (Destiny). A ottobre X/Open lancia il marchio XPG4. Il 22 dicembre Novell annuncia la sua in tenzione di acquisire USL.
  • 1993 4.4BSD:la versione finale di BSD 4.4BSD viene rilasciata da Berkeley. Il 16 giugno Novell acquisisce USL
  • Ultimi mesi del 1993 SVR4.2MP: Novell trasferisce i diritti del ma rchio registrato "UNIX" e la Single UNIX Specification a X/Open. A dic embre Novell rilascia SVR4.2MP, la versione finale USL OEM di System V.
  • 1995 UNIX 95: X/Open presenta il branding programme di UNIX 95. N ovell vende UnixWare business a SCO.
  • 1996 The Open Group si forma dalla fusione di OSF e X/Open.
  • 1997 Single UNIX Specification, versione 2, The Open Group pres enta la versione 2 della Single UNIX Specification, questa include il supporto p er il realtime, i threads e per i processori a 64-bit e superiori.
  • 1998 UNIX 98: The Open Group presenta la famiglia di marchi UNIX 98, che comprende Base, Workstation and Server

Unix e software libero.
Nel 1983 Richard Stallman lancia un progetto per creare GNU, un clone di Unix che fosse software libero, ovvero garantisse completa libertà di utilizzo e modifica da parte di utenti e sviluppatori, sottraendo Unix ai produttori di software proprietario. Nel 1991 il sistema fu completato con la creazione del kernel Linux da parte di Linus Torvalds. Il mondo Unix conobbe così una seconda giovinezza.


Attualmente i sistemi basati su GNU/Linux sono i più utilizzati nella grande famiglia dei sistemi Unix, soprattutto in ambito server, ma con una crescente diffusione anche sui netbook e i personal computer. Tra il 2007 e il 2008 diversi costruttori, tra cui Dell, Asus, Lenovo, HP hanno proposto computer con GNU/Linux preinstallato al grande pubblico aprendo a tale sistema le porte dell'informatica personale. Dal 2009 si stanno diffondendo telefoni cellulari e palmari basati su Android, una versione di GNU/Linux modificata da Google per essere estremamente leggera.
La più importante famiglia di sistemi derivate da Unix, ma non certificate come UNIX, è quella di BSD, di cui fanno parte FreeBSD, NetBSD, OpenBSD, DragonflyBSD e molti altri.
Da ricordare anche che nella famiglia Unix è presente il sistema operativo Minix.
C'è grande differenza tra le diciture UNIX, Unix-like e Unix:
  • UNIX è un marchio registrato ed indica un sistema operativo certificato da The Open Group, consorzio di aziende tra cui IBM, HP e Sun Microsystems. Per essere certificato, il sistema operativo deve essere conforme a specifiche determinate da The Open Group stessa;
  • Unix-like (spesso abbreviato con *nix, anche se nell'uso comune quest'ultimo termine designa prevalentemente i sistemi operativi BSD, quali FreeBSD, che possono usare questa indicazione per motivi storici) indica quei sistemi operativi che sono progettati seguendo le specifiche dei sistemi Unix, descritte nella Single UNIX Specification, ma che per questioni legali non possono usare il marchio UNIX;
  • Con Unix vengono indicati generalmente tutti i sistemi derivati dallo UNIX della AT&T.


Ricerca personalizzata
S
e ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

1 commento:

  1. ciao,
    mi è piaciuto molto il tuo post, sono un utilizzatore di Unix da molti anni.
    Se ti può interessare ho trovato una vera "chicca" che solo Internet può offrire:
    http://minnie.tuhs.org/cgi-bin/utree.pl
    l'ho recensita da poco in questo post: http://ant1-antuan.blogspot.com/2011/04/unix-alle-origini.html
    Puoi navigare tra i sorgenti storici di Unix, partendo dall'Assembly in poi, ci sono anche le pagine di manuale dei primi comandi realizzati.

    RispondiElimina

Caricamento in corso...

Ultimi post pubblicati

Archivio

Ubuntulandia in Instagram

>center>

Post Più Popolari