post h1 Tor, anonimato in Rete, nuovi pacchetti per Linux. ~ Ubuntulandiapost h1

giugno 10, 2009

Tor, anonimato in Rete, nuovi pacchetti per Linux.

| No comment
I tanti Social Network esistenti (OKNOtizie, Digg, Diggita, ecc.) sono diventati per un blogger, uno dei modi migliori per far conoscere alla gente i propri articoli, generare qualche visità in più e soprattutto far considerare i propri articoli per l’effettiva validità che possiedono.

Il metodo è molto semplice e consiste nel votarsi automaticamente più volte attraverso la cancellazione dei cookies e nel cambiamento dell’indirizzo IP.

Quando postiamo una notizia su un qualunque social network, automaticamente viene creato un file cookie nel quale vengono registrate le informazioni per non permettere il voto per una seconda volta; per questo motivo non è l’unica protezione del sistema, infatti il nostro indirizzo IP viene registrato sul server non consentendoci il voto ancora una volta.

Ma se si cancella il cookie e si cambia indirizzo IP cosa accade?

Il sistema ci riconosce come un nuovo utente sconosciuto che ha il pieno diritto di voto. Vediamo come procedere.

Scarichiamo e installiamo il software Tor, per anonimizzare il nostro IP (per compiere questa operazione si utilizzerà il browser Firefox

Una volta terminata l’installazione, il pacchetto software verrà eseguito e dopo aver riavviato Firefox, potremo notare in basso a destra il pulsante Tor Disabled in colorazione rossa. Cliccando su questo pulsante potremo anonimizzare il nostro IP in qualunque occasione si necessiti (per ora non cliccare).

Adesso è arrivato il momento di aprire il nostro Social Network, per esempio OkNotizie e postare l’articolo desiderato. Come votiamo il nostro articolo piu’ volte? Apriamo la pagina in cui compare l’articolo e i tasti OK e NO (oppure Vota) e andiamo su Strumenti nella barra in alto di Firefox.

Clicchiamo su Elimina i dati personali e si aprirà una finestra come questa:

Spuntiamo solo la casella Cookies e clicchiamo su Elimina i dati Perdonali Adesso.

In questo modo abbiamo cancellato i cookies. Ora facciamo click sul pulsante Tor Disabled il quale cambierà in Tor Enabled e si colorerà di verde. In questo modo abbiamo cambiato indirizzo IP.

E’ arrivato il momento di votare.

Stando sempre nella stessa pagina di prima, quella per votare l’articolo, la aggiorniamo.

Adesso possiamo fare click sul nostro articolo come fossimo Utenti Nuovi! Per votare piu’ volte bisogna ripetere lo stesso procedimento fatto finora.

Tor è un software libero ed una rete aperta per difendersi dall' analisi del traffico, una forma di sorveglianza della rete che minaccia le libertà individuali e la privacy, le attività ed i rapporti d'impresa confidenziali, e la sicurezza di stato.

Tor funziona deviando le tue comunicazioni attraverso una rete distribuita di relay, gestiti da volontari in tutto il mondo: impedisce a qualcuno che osservi la tua connesione Internet di sapere quali siti stai visitando, ed impedisce ai siti che visiti di venire a sapere dove sei realmente. Tor funziona con molti programmi, come i browser web, i client per la chat, i programmi di login remoto e tante altre applicazioni basate sul protocollo TCP.

Al mondo centinaia di migliaia di persone usano Tor, per motivi diversi: giornalisti e blogger, operatori umanitari, membri delle forze dell'ordine, militari, grandi aziende, abitanti di regimi autoritari e repressivi, e semplici cittadini. Leggi la pagina Chi usa Tor? per degli esempi su alcuni tipici utilizzatori di Tor. Leggi la descrizione generale per una spiegazione più dettagliata di cosa fa Tor, e del perché questi diversi tipi di utenti sono importanti.

Tor però non cifra magicamente tutte le tue attività su Internet. Dovresti capire bene quel che Tor fa e quel che non fa per te.

La sicurezza di Tor aumenta sia al crescere della sua base di utenti, sia man mano che più volontari aprono un relay (Non è così difficile da fare come si pensa, e in questo modo si può notevolmente aumentare la propria sicurezza). Se si preferisce non aprire un nodo, abbiamo bisogno di aiuto in molti altri aspetti del progetto, ed abbiamo bisogno di fondi per rendere la rete Tor più veloce e facile da usare, mantenendo al contempo una buona sicurezza.

Tor è una associazione non-profit registrata 501(c)(3) la cui missione è permetterti di impedire l'analisi del tuo traffico Internet. Per favore, fai una donazione deducibile dalle tasse.

La versione stabile più recente è 0.2.1.26, e l' ultima versione di sviluppo è 0.2.2.14 alpha.

Un ultimo commento: potrebbe apparire questo messaggio al cercare di fare il refresch della pagina.

"torbutton ha bloccato la modifica della cronologia quando cambia stato.
vai alle impostazioni della cronologia per permetterlo"

perchè Firefox 3 non è totalmente compatibile con Tor.

Prima che qualche "purista" mi insulti: il vero scopo di Tor non è proprio aumentare le visite di nessun blog, è semplicemente proteggere la privacy.

Per aumentare le visite, i voti, ecc ecc ci sono tanti modi: il più mascherato (mai dichiarato ma vero, e PAGARE) e vedremo come per arte di magia i nostri post slittano in alto, anzi vedremo altri post magari con più voti ma in basso. Come mai? Non parlo solo di OKNotizie, Diggita, Zic Zac, Technotizie, ecc ecc per citarne solo qualcuno.

Il presente e solo un consiglio per posizione meglio i nostri post, diciamo: uno "start" più veloce, un lancio più audace. Qualcosa come il Kers in F1: aiuta a vincere ma da solo non vince.

La Ferrari ne sa qualcosa al riguardo. Se non siete d'accordo chiedete lumi alla Brawn.

Le istruzioni ufficiali per installare Tor su Ubuntu:

Non usare i pacchetti del repository di Ubuntu universe. Non sono mantenuti e sono obsoleti, il che significa che perderai la stabilità e i fixes di sicurezza.

È necessario impostare i repository prima di poter scaricare Tor. Innanzitutto è necessario sapere il nome della tua distribuzione: se stai usando Ubuntu 10.04 il nome è "lucid", per la 9.10 è "karmic", 9,04 è "jaunty", 8.10 è "intrepid" e 8.04 è "hardy". Se invece stai usando Debian Etch è "etch" e per Debian Lenny is "lenny". Aggiungi questa riga nel tuo file /etc/apt/sources.list:

deb http://deb.torproject.org/torproject.org main

mettendo il nome in codce della tua distribuzione (ad esempio lenny, sid, lucid, karmic, jaunty, intrepid, hardy o quel che sia) al posto di .

Poi aggiungi la chiave gpg usata per firmare i pacchetti con il seguente comando:

gpg --keyserver keys.gnupg.net --recv 886DDD89

gpg --export A3C4F0F979CAA22CDBA8F512EE8CBC9E886DDD89 | sudo apt-key add -

Adesso puoi aggiornare le sorgenti e installare Tor con il seguente comando (come root):

apt-get update

apt-get install tor tor-geoipdb

In questo modo Tor viene installato e avviato: vedi step two delle istruzioni "Tor on Linux/Unix".

Il nome a DNS deb.torproject.org è composto da una serie di server indipendenti in configurazione DNS round robin per cui se per qualche ragione non riesci a raggiungerlo puoi provare a connetterti ad uno dei componenti provando ad esempio

deb-master.torproject.org, mirror.netcologne.de o tor.mirror.youam.de.



Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

,

Nessun commento:

Posta un commento

Caricamento in corso...

Ultimi post pubblicati

Archivio

Ubuntulandia in Instagram

>center>

Post Più Popolari