post h1 18 applicazioni open source per generare e applicare effetti audio digitali, trasformare file musicali, equalizzare e miscelare schede audio (prima parte) ~ Ubuntulandiapost h1

settembre 20, 2012

18 applicazioni open source per generare e applicare effetti audio digitali, trasformare file musicali, equalizzare e miscelare schede audio (prima parte)

| No comment
1.- Aumix è un applicativo per la gestione delle funzionalità di miscelazione e di equalizzazione della scheda audio.
Aumix è un applicativo per la gestione delle funzionalità di miscelazione e di equalizzazione della scheda audio.
Può essere usato in modo interattivo, e in questo caso il programma richiede lo schermo di un terminale a caratteri, oppure diretAumix con una vecchia scheda a 8 bit.

Alcune distribuzioni GNU/Linux utilizzano Aumix per memorizzare e ripristinare le regolazioni della scheda audio. In pratica, nella procedura di inizializzazione del sistema si fa in modo di salvare in un file, presumibilmente /etc/.aumix, i valori utilizzati per ultimi durante la fase di arresto, mentre dallo stesso file vengono riletti durante la fase di avvio.

I canali stereofonici hanno anche la possibilità di essere bilanciati, come si vede intuitivamente dalle figura. Per selezionare un canale si possono utilizzare i tasti [freccia su] e [freccia giù]; per passare alla regolazione del bilanciamento si può utilizzare il tasto di tabulazione, [Tab], e così anche per tornare indietro all'elenco dei canali. Infine i tasti [freccia sinistra] e [freccia destra] permettono di regolare il volume del canale o di cambiare il bilanciamento, a seconda di dove si trova il cursore. È interessante notare che anche il mouse funziona, se gestito attraverso il demone gpm.

Scheda completa e istruzioni per il download in questa pagina

2.- Free Lossless Audio Codec (FLAC) diffuso codec audio libero di tipo lossless.

Free Lossless Audio Codec (FLAC) è un diffuso codec audio libero di tipo lossless, cioè senza perdita di qualità.
A differenza delle codifiche lossy (come l'ogg vorbis, l'MP3 o l'AAC), questo tipo di compressione non rimuove informazioni dal flusso audio, risultando quindi adatto sia all'ascolto con lettori di musica digitale, sia all'archiviazione su memorie di massa.
Il formato FLAC è attualmente supportato da una buona parte dei software audio.

FLAC diversamente dalla maggior parte degli algoritmi di compressione lossless (come ad esempio ZIP e gzip), raggiunge compressioni importanti, dell'ordine del 30-50% contro il 10-20% raggiunto da quelli tradizionali quando utilizzati per comprimere file audio.

Il 29 gennaio 2003 Xiphophorus (adesso Xiph.Org Foundation) ha annunciato l'inclusione del FLAC fra i propri progetti, insieme con Ogg Vorbis, Ogg Theora e Speex.

Scheda completa e istruzioni per il download in questa pagina
3.-EasyTAG, programma molto utile per modificare i tag audio.


EasyTAG, programma molto utile per modificare i tag audio.
La versione 2.1.3 introduce diverse piccole nuove funzionalità e un aggiornamento della traduzione italiana.
EasyTag permette di modificare facilmente i tag associati ai file audio in formato MP3, MP2, MP4/AAC, FLAC, Ogg Vorbis e MusePack.
Supporta la possibilità di ricavare i tag dai nomi del file oppure di rinominare i file a partire dai dati in essi conservati.

Tra le molte funzionalità, molto comoda è quella che consente di rinominare o di cambiarne le proprietà al volo più gruppi di file oppure quella che consente di generare al volo playlist dai file selezionati. Il programma supporta il formato CDDB per mezzo di connessioni ai server Freedb.org e Gnudb.org.
Si può installare velocemente sulle distro debian-based installando il pacchetto easytag (sudo apt-get install easytag).

Una volta installato lo troverete in Applicazioni→Audio/Video→EasyTAG.

Vediamo ora come funziona.
Scheda completa e istruzioni per il download in questa pagina
-->
4.- Icecast, piattaforma server gratuita per lo streaming audio, leggera, potente, affidabile e gratuita.
Icecast è un programma server per il media streaming mantenuto da Xiph.Org Foundation e rilasciato con licenza GNU General Public License (GPL).
Icecast supporta i formati Vorbis,Theora usando il protocollo HTTP e i formati MP3,AAC e NSV con il protocollo SHOUTcast.

Icecast è la piattaforma server gratuita per lo streaming audio più diffusa ed è fra le più affidabili nonché fra le più complete.
Grazie a questo programma il vostro computer diventerà un server per lo streaming audio.

Icecast permette di monitorizzare un sacco di informazioni inerenti il flusso delle connessioni al vostro server, impostare le porte di connessione al vostro computer, limitare la banda di streaming, proteggere la connessione con una password ed altro ancora.

Attenzione: Icecast è uno strumento indispensabile per trasmettere audio su web, ma serve solo come "ponte": per poter fare una webradio sono necessari oltre ad Icecast altri software aggiuntivi come ad esempio Oddcast, Sam2, ezstream per Windows o Ices, Muse, Darkice per Linux.

Scheda completa e istruzioni per il download in questa pagina

5.- Gimmix player musicale scritto in C usando GTK +2



Gimmix  è un player musicale scritto in C usando GTK +2.
E 'molto semplice e facile da usare, offre molte caratteristiche che renderanno il vostro ascolto dela musica piacevole.

Caratteristiche:
* Simple and clean interface.
* Compact and full view modes.
* Library Browser.
* Library Search (Search by Artist, Album, Filename etc)
* Playlist management (manage mpd playlists)
* Album cover art support from Amazon.com
* Lyrics support from Leoslyrics.com
* ID3v2 Tag editing support.
* Support for controlling gimmix through keyboard
* System tray icon support.
* Notification support (Displays the currently playing song in systray).
* Small memory footprint.
Ultima versione stabile rilasciata: 0.5.6.1
Scheda completa e istruzioni per il download in questa pagina
6.- Festival software di sintesi vocale per interpretare un input di tipo testuale e nel generare un output di tipo audio.
Festival è un software di sintesi vocale, sviluppato presso il "Centre for Speech Technology Research" dell'Università di Edinburgo.

Il suo compito consiste nell'interpretare un input di tipo testuale e nel generare un output di tipo audio.

Tipicamente il suo utilizzo è rivolto alle applicazioni di screen reading. È possibile far leggere a Festival un file di testo, o una pagina web.

È anche possibile fare in modo che Festival ci avvisi vocalmente dell'arrivo di nuove e-mail, ecc.

Festival è disponibile pure con il supporto alla lingua italiana, anche se a dire il vero la qualità audio è davvero pessima. Senza voler competere con soluzioni professionali di alto livello qualitativo e costo adeguato, è però possibile utilizzare Festival in accoppiata con il software di sintesi vocale MBROLA, che dispone di audio di qualità migliore. Vedremo in questa guida come operare.

Scheda completa e istruzioni per il download in questa pagina.
 
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
, , , , , , , ,

Nessun commento:

Posta un commento

Caricamento in corso...

Ultimi post pubblicati

Archivio

Ubuntulandia in Instagram

>center>

Post Più Popolari