post h1 Come diventare un mago di GIMP: adattarlo ai propri gusti, griglie e guide. ~ Ubuntulandiapost h1

maggio 13, 2013

Come diventare un mago di GIMP: adattarlo ai propri gusti, griglie e guide.

| No comment



gimp-logo_thumb2_thumb_thumbGIMP è in grado di leggere e scrivere una grande varietà di formati di file grafici. 

Per questa ragione, è relativamente facile estendere GIMP a nuovi formati di file, se ne sorgesse la necessità.

GIMP può usare come tavolozza dei colori il modello RGB, HSV, la ruota dei colori oppure sperimentalmente il modello CMYK. 

Può mischiare questi modelli ed ha strumenti per la selezione del colore con molte opzioni (come ad esempio l'utilizzo dei codici esadecimali dei colori, come usato nei CSS ed HTML). 

Bisogna notare che il modello CMYK è solo simulato: viene immediatamente tradotto in RGB in memoria. GIMP non ha ancora un supporto per quelle combinazioni CMYK che non possono essere rappresentate come RGB, come i neri saturi, che possono però essere estesi (limitatamente) con plugin aggiuntivi.

Griglie e Guide.

Sarà capitato anche a voi, almeno una volta, di voler piazzare qualcosa su di un'immagine in maniera precisa, verificando quanto il mouse sia decisamente uno strumento inadatto allo scopo. Spesso si ottengono risultati migliori usando i tasti freccia, che muovono l'oggetto di un pixel alla volta o 25 pixel se si tiene il tasto Maiusc premuto. GIMP fornisce due strumenti appositi per aiutare il posizionamento: la griglia e le guide.

Immagine usata per gli esempi.
Immagine usata per gli esempi
La griglia immagine.
Immagine con la griglia predefinita.
Immagine con la griglia predefinita
Ogni immagine ha una sua griglia. È sempre presente ma normalmente non è visibile a meno che non la si attivi con Visualizza → Griglia nel menu immagine. Se si preferisce che la griglia sia sempre visibile, è possibile cambiare la preimpostazione agendo su "Mostra la griglia" nella pagina Aspetto nella finestra delle preferenze (notare che ci sono impostazioni separate per la modalità normale e a pieno schermo).
L'aspetto predefinito della griglia, impostato quando si installa GIMP, consiste in crocini a forma di segno più, alle intersezioni delle linee, con spaziature delle stesse di 10 pixel sia verticali che orizzontali. È possibile personalizzare la griglia predefinita modificando la pagina Griglia predefinita sempre nella finestra delle preferenze. Se si vuole solo modificare l'aspetto della griglia dell'immagine in uso, la voce Immagine → Configura griglia nel menu immagine, porterà in primo piano la finestra di dialogo Configura griglia.

Uno stile di griglia differente.
Uno stile di griglia differente
La griglia non è utile solo per valutare le distanze e le relazioni di spazio, ma permette anche di allineare esattamente gli oggetti; basta abilitare Visualizza → Griglia magnetica sempre nel menu immagine: ciò provoca l'aderenza "magnetica" del puntatore ad ogni riga della griglia entro una certa distanza. È naturalmente possibile modificare la soglia di azione della griglia impostando "Distanza magnetismo" nella pagina Opzioni strumenti della finestra delle preferenze, ma normalmente il valore predefinito di 8 pixel accontenta tutti (notare che è possibile abilitare il magnetismo della griglia anche senza renderla visibile anche se non è ovvia l'utilità di quest'opzione). 

Guide.
 
Immagine con quattro guide.
Immagine con quattro guide
In aggiunta alla griglia immagine, GIMP fornisce anche un più flessibile sistema di aiuto nel posizionamento: le guide. Queste sono delle righe orizzontali o verticali visualizzabili temporaneamente sull'immagine mentre si sta lavorando con essa.

Per creare una guida, fare semplicemente clic su uno dei righelli presenti ai lati della finestra immagine e trascinare dentro una guida. La guida viene visualizzata come una linea tratteggiata di colore blu che segue il puntatore. Una volta creata la guida, viene attivato il comando «sposta» e il puntatore del mouse cambia nell'icona corrispondente.

È possibile creare una guida anche con il comando Nuova guida, che permette di piazzare con precisione la guida sull'immagine, con il comando Nuova guida (in percentuale), o il comando Nuove guide dalla selezione.
Si possono creare guide a volontà ed è possibile posizionarle ovunque sull'immagine. Per spostare una guida dopo averla creata, basta attivare lo strumento di spostamento nella finestra strumenti, oppure premere il tasto M. È poi possibile trascinarle nel punto desiderato. Per cancellare una guida basta trascinarla al di fuori dell'immagine. Tenendo premuto il tasto Maiusc è possibile spostare tutto fuorché le guide, al fine di poterle usare efficacemente come aiuto per l'allineamento.

Il comportamento delle guide dipende dalla modalità Sposta del comando «Sposta». Quando viene selezionata la modalità Livello, il puntatore del mouse si trasforma in una piccola mano nonappena esso si avvicina ad una guida. In questo modo la guida viene attivata e diventa rossa e la si può spostare o cancellare spostandola nuovamente su un righello. Se invece è impostata la modalità Selezione, si può posizionare una guida, ma poi non è più possibile spostarla.

Come per la griglia, è possibile rendere le guide per agganciare gli oggetti impostando Visualizza → Guide magnetiche nel menu immagine. Se il numero delle guide sull'immagine è tale da rendere difficoltosa la visualizzazione dell'immagine, è possibile nasconderle impostando Visualizza → Mostra le guide. Si suggerisce l'utilizzo di quest'opzione solo momentaneamente. Se ci si dimentica di averla abilitata, la creazione di altre guide non visibili può creare molta confusione.

È comunque possibile cambiare il comportamento predefinito per le guide nella pagina Aspetto nella finestra delle preferenze. Disabilitare "Mostra le guide" è probabilmente una cattiva idea, per le ragioni sopra esposte.
È possibile rimuovere le guide con il comando Immagine → Guide → Rimuovi tutte le guide.
[Nota]Nota:
Un altro uso per le guide: il plugin Ghigliottina, usa le guide per tagliare un'immagine in un insieme di immagini derivate.
Disegnare una griglia.
E se si volesse creare una griglia che sia parte dell'immagine? Non è possibile farlo usando la griglia immagine: è solo un aiuto per il disegno ed è visibile solo a video o se si cattura un'immagine della finestra. È comunque possibile usare il plug-in griglia per disegnare una griglia in un modo molto simile alla griglia immagine (il plug-in ha molte più opzioni).
 
Ricerca personalizzata


Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

, , , , , , ,

Nessun commento:

Posta un commento

Caricamento in corso...

Ultimi post pubblicati

Archivio

Ubuntulandia in Instagram

>center>

Post Più Popolari